Giramolfetta
 MOLFETTA - venerdì 23 agosto 2019 - Giramolfetta anche su... Facebook You Tube
Don Salvatore Pappagallo

Don Salvatore Pappagallo
Don Salvatore Pappagallo
Nato il 21 giugno del 1931 e ordinato il 23 dicembre 1953, don Salvatore Pappagallo è stato un “sacerdote molto rappresentativo per la sua passione per la musica", un insigne e raffinato musicista e compositore, che ha impresso con la sua figura un segno particolare alla vita musicale e culturale della sua città.
Un prete musicista…e non il contrario (come lui stesso teneva a precisare) dal sorriso sempre accogliente, dotato di un’acuta e originale intelligenza, sentiva che il suo ministero potesse svolgersi anche attraverso il pentagramma.
Particolarmente preziosa è stata la sua opera al servizio della musica sacra e del canto liturgico che ha trasmesso ad intere generazioni di giovani, ora affermati musicisti in campo nazionale ed internazionale come Direttori e Professori d’Orchestra, Cantanti, Docenti, Direttori ed Artisti di Coro.
Esponente di spicco della cultura locale, per trent'anni docente al Conservatorio "N.Piccinni" di Bari, si rammaricava molto perchè riteneva una grave carenza e un impoverimento dell’animo umano “l’analfabetismo musicale”, che egli ha cercato di combattere con una serie di iniziative fondando l’associazione musicale “Antonin Dvorak”. Tanti professionisti, tanti amanti e cultori di quest’arte sublime, sono frutto della sua dedizione e della sua abnegazione.
Una mente progettuale quella di Don Salvatore Pappagallo, che col coro "Josquino Salepico" ha girato il mondo, collaborando con grandi Maestri fra i quali Nino Rota, Armando Renzi, Michele Marvulli, Nicola Samale, Luigi Celeghin, Domenico Bartolucci, Roberto Duarte.
I suoi studi:
Diploma in Composizione, conseguito presso il Conservatorio “S. Cecilia” di Roma con la guida del M° Armando Renzi;
Direzione D’Orchestra, conseguito presso il Conservatorio “A. Casella” de l’Aquila con la guida del M° Nicola Samale;
Pianoforte, conseguito presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari con la guida del M° Michele Marvulli.
Frequenza del biennio di Perfezionamento in Direzione di Coro presso l’Accademia di Osimo, condotto dai Maestri Marcel Couraud e Giulio Bertola, e del Corso di Organo fino al VII anno presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari, condotto dal M° Luigi Celeghin.
L'attività didattica:
Cattedra di Solfeggio presso il Conservatorio di Matera dal 1967 al 1969;
Cattedra di ruolo in Solfeggio ed Esercitazioni Corali presso il Conservatorio “N. Piccinni” dal 1970 al 1996;
Cattedra di Pianoforte, Solfeggio ed Esercitazioni Corali presso la Scuola Popolare di Musica “A.Dvorak” dal 1975.
L'attività Artistica:
Composizione delle seguenti opere: due Oratori per Soli, Coro e Orchestra (Il Natale del Redentore-Le Nozze di Cana), quattro Grandi Cantate per Coro e Orchestra (Jerusalem-Le Beatitudini-Lo specchio-Mio Sud), tre Cantate minori (Il Grido di Betlemme-Cessate di uccidere i morti-Santa Maria, Vergine del Mattino), Musica strumentale (Sonata per Organo in 5 tempi-Lirica per Violino e Pianoforte-Pasqua: elaborazione per coro ed orchestra di temi popolari e di canto gregoriano), Musica Liturgica (Messa Pasquale per Coro ed Assemblea-Parti mobili della Messa di Pasqua- Messa San Nicola sul tema della Ninna Nanna Barese-Introito della Missa Puer Natus-Mottetti vari), Canti Popolari.
Produzioni e Pubblicazioni: incisione di 5 CD di proprie opere per conto della Fondazione “V.M. Valente” di Molfetta e pubblicazione di Opere musicali e di un Manuale di Teoria e Solfeggio.
La sua attività artistica e concertistica come direttore di coro e orchestra si è svolta in Italia e all’Estero (New York-Brasile-Grecia-Ungheria-Albania) dal 1952 al 1968 - Cappella del Pontificio Seminario Ragionale di Molfetta;
e dal 1977 - Coro “ Don Tonino Bello” (ex “J. Salepico”).
Dallo stesso anno (1977) ha diretto la Scuola Popolare di Musica, Istituzione sorta in seno all’ Associazione “A. Dvorak” della quale è stato Fondatore e Presidente fino alla sua morte avvenuta improvvisamente il 17 giugno 2011, quattro giorni prima del suo 80° compleanno.
Per tutta la sua Vita saacredotale non ha mai mancato di animare la Liturgia Eucaristica.
Capitoli
La Storia
Il Centro Storico
I Palazzi
Visita della città
Chiese e Parrocchie
Araldica
I Seminari
I Conventi
L'Ospedale dei Crociati
Le Tradizioni Quaresimali
e le Processioni della Settimana Santa
Le Consuetudini, le Tradizioni, le Usanze, il Folklore
Le Confraternite
Il Patrono della Città
Il Pulo
Le Torri, i Casali, il Territorio
Uomini Illustri
Le Biblioteche
I Musei
Le Associazioni
Riviste Cittadine
Lo Sport a Molfetta
Bari e la sua provincia