Giramolfetta
 MOLFETTA - giovedý 19 luglio 2018 - Giramolfetta anche su... Facebook You Tube
ULTIME NEWS Mondiali Russia 2018: le partite di semifinale saranno Francia-Belgio (mar 10/7 ore 20:00) e Inghilterra-Croazia (mer 11/7 ore 20:00)
LE MASSIME DEL GIORNO
Col tempo e l'esperienza fiorisce la prudenza.
Le Torri, i Casali, il Territorio

Le torri-vedetta documentano il periodo intorno all'anno 1000, tra i più difficili della storia di Molfetta, in quanto essendo la città nella fase di sviluppo e consolidamento territoriale, mancava di una reale organizzazione politica che doveva provvedere alla difesa di casali e borghi rurali sparsi per la campagna.

Si suppone che, quando le incursioni provenivano dal mare, dalla torre Calderina le sentinelle segnalavano l'arrivo dei pirati alla torre della Chiesa Vecchia mediante fumate di giorno e fuochi di notte. Il segnale di pericolo veniva dato con gli stessi mezzi o con rintocchi di campana a tutte le altre torri, affinché si provvedesse ad organizzare la difesa.
Esse generalmente hanno una base quadrata ed un'altezza variante tra i 10 e Ì 20 metri; sonò costruite in pietra locale, chianche o lastre squadrate, e all'interno hanno due o tre piani ai quali si accede mediante scale retrattili.

Molte torri, perpendicolarmente alla porta d'ingresso, sono provviste della caratteristica saettiera, sostenuta da gattoni, che serviva a colpire in nemico dall'alto. Alcune torri come Villetta, Mino e Navarino vengono definite anche "casali", in quanto fecero parte di complessi rurali che furono veri e propri villaggi. Infatti in essi oltre alle torri si notano chiese, trappeti, palmenti, piscine, stalle, abbeveratoi, ripari per la gente, ripostigli per la conservazione delle derrate alimentari ecc. Dei casali si ha notizia solo nell'XI secolo, ma probabilmente esistevano già da tempo, poiché la campagna pugliese è stata sempre il regno dell’uliveto e del vigneto, ed il casale era il supporto logistico ed organizzativo di questo tipo di economia specialmente nel periodo di raccolta. La maggior parte di esse però dovevano essere già scomparse prima del 1600, poiché gli storici del 1700 né registrano la rovina e la fatiscenza.

Attualmente molte torri sono crollate, di altre non restano che i ruderi, e di quelle ancora esistenti la maggior parte è in stato di completo abbandono, mentre le poche in buone condizioni sono utilizzate dai contadini come depositi per attrezzi e legname.

L'Eremo (Pezzasapone) Masseria fortificata Navarrino Torre (de) Falcone
Torre (del) Mino Torre Capitanio Torre Cappavecchia
Torre Cascione Torre Cicaloria Torre Claps - San Martino
Torre del Gallo Torre Gavetone Torre Madonna della Rosa
Torre Rotonda o Molinara Torre Sgammirra Torre Villotta
Capitoli
La Storia
Il Centro Storico
I Palazzi
Visita della città
Chiese e Parrocchie
Araldica
I Seminari
I Conventi
L'Ospedale dei Crociati
Le Tradizioni Quaresimali
e le Processioni della Settimana Santa
Le Consuetudini, le Tradizioni, le Usanze, il Folklore
Le Confraternite
Il Patrono della Città
Il Pulo
Le Torri, i Casali, il Territorio
Uomini Illustri
Le Biblioteche
I Musei
Le Associazioni
Riviste Cittadine
Lo Sport a Molfetta
Bari e la sua provincia