Giramolfetta
 MOLFETTA - domenica 25 febbraio 2024 - Giramolfetta anche su... Facebook You Tube
 
8^ puntata - ''Sulla qualifica delle guardie particolari giurate in attività di servizio'' - 1^parte

8^ puntata - ''Sulla qualifica delle guardie particolari giurate in attività di servizio'' - 1^parte


Sulla qualifica delle guardie particolari giurate in attività di servizio - 1^parte

Canosa, di notte. Alcuni allegri giovani, scambiata la silente piazza Galluppi per palestra, si divertono a scaraventarsi addosso secchi pieni d’acqua e cassette vuote, fra urla e schiamazzi di facile intuizione. I lampioni cittadini, sotto un nutrito fuoco incrociato, rischiano di andare in frantumi da un momento all’altro.
Qualche “papalina” comincia a delinearsi nei vani delle finestre ma, prima che si verifichi la sveglia generale, una guardia notturna in servizio nella zona interviene decisamente sul gruppo. Ferma uno dei giovani più scalmanati e gli chiede le generalità. Quegli, manco a dirlo, si rifiuta, sollevando subito a modo suo, con espressioni irriguardose e provocatorie, la questione della legittimità dell’intervento del vigile, il quale, senza por tempo per lo mezzo, agguanta lo scanzonato… discobolo e cerca di trascinarlo difilato verso l’Ufficio di vigilanza notturna. Intervengono altri componenti del gruppo (quattro o cinque) e gli fanno un mezzo “palliatone”. Scaturiscono ovviamente la denuncia ed il rinvio a giudizio degli inquieti nottambuli per rispondere di resistenza a pubblico ufficiale.
Il Tribunale di Trani, contestando tale qualifica al solerte vigile, degrada il delitto di resistenza in quello di lesioni volontarie e dichiara non doversi procedere per mancanza di querela. Il P.M. produce il suo bravo gravame. La Corte di Appello è investita della questione: staremo a vedere.
Per questo caso, non privo di giuridico interesse, vale la pena di spendere qualche considerazione.
Il Tribunale ragiona così in sentenza: “La qualifica di guardia giurata si riferisce unicamente alla repressione dei reati contro il patrimonio, attesochè l’art. 133 della legge di P.S. destina le guardie giurate alla sola vigilanza e custodia delle proprietà mobiliari ed immobiliari delle persone o degli enti che ne richiedono la nomina all’Autorità amministrativa”. Al vigile notturno, intervenuto nella specie per reprimere un semplice schiamazzo, non spetta la qualifica di p. u, perchè il decreto prefettizio che lo autorizza allo svolgimento del suo compito “limita testualmente l’attività dell’interessato al servizio da espletarsi nelle proprietà dei convigilati del Consorzio. In definitiva il Di Gennaro operò quale privato cittadino nei confronti degli odierni imputati…”.
Eh, no, andiamo piano! Innanzitutto è innegabile che il vigile notturno si trovava in servizio in piazza Galluppi, vale a dire nella quale evidentemente erano disposti beni di proprietà dei consorziati. Pertanto il ragionamento del Tribunale non convince neppure in punto di fatto.
In secondo luogo non si vede come possa contestarsi il riferimento all’art. 133 delle leggi di P.S. nell’ipotesi di un vigile che intervenga per reprimere schiamazzi “innestati” su nutriti lanci di secchi pieni di acqua e di cassette vuote: non concorre egli a tutelare la proprietà pubblica e privata affidata alla sua vigilanza?

Di Antonio Maralfa
Sostituto Procuratore della Repubblica


24/03/2013
Rubrica a cura del giudice Maralfa
26/10/2013
21^ puntata - ''DICHIARAZIONI DI NASCITA E… FIGLI DI N.N (OVVERO: COSA PUÒ CAPITARE OGGI ALLE MADRI-BAMBINE) - (3^parte)''
16/10/2013
20^ puntata - ''DICHIARAZIONI DI NASCITA E… FIGLI DI N.N (OVVERO: COSA PUÒ CAPITARE OGGI ALLE MADRI-BAMBINE) - 2^parte''
02/10/2013
19^ puntata - ''DICHIARAZIONI DI NASCITA E… FIGLI DI N.N (OVVERO: COSA PUÒ CAPITARE OGGI ALLE MADRI-BAMBINE) - 1^parte''
20/09/2013
18^ puntata - ''AMMINISTRATORI E FUNZIONARI DEGLI OSPEDALI CIVILI - 3^ parte''
10/09/2013
17^ puntata - ''AMMINISTRATORI E FUNZIONARI DEGLI OSPEDALI CIVILI - 2^ parte''
29/08/2013
16^ puntata - ''AMMINISTRATORI E FUNZIONARI DEGLI OSPEDALI CIVILI - 1^ parte''
19/08/2013
15^ puntata - ''LA FINE DI UNA PACCHIA (PESCA A STRASCICO)''
07/08/2013
14^ puntata - ''UN CASO “CLINICO” DI DIRITTO PENALE (Art. 483) - 2^ parte''
25/07/2013
13^ puntata - ''UN CASO “CLINICO” DI DIRITTO PENALE (Art. 483) - 1^ parte''
08/07/2013
12^ puntata - ''DIVAGAZIONI DI… POLIZIA GIUDIZIARIA (ovvero: “Che s’ava fà pe’ campà) - 3^ parte''
19/06/2013
11^ puntata - ''DIVAGAZIONI DI… POLIZIA GIUDIZIARIA (ovvero: “Che s’ava fà pe’ campà) - 2^ parte''
12/05/2013
10^ puntata: ''DIVAGAZIONI DI… POLIZIA GIUDIZIARIA (ovvero: “Che s’ava fà pe’ campà) - 1^ parte''
24/04/2013
9^ puntata - ''Sulla qualifica delle guardie particolari giurate in attività di servizio - 2^ parte''
24/03/2013
8^ puntata - ''Sulla qualifica delle guardie particolari giurate in attività di servizio'' - 1^parte
27/02/2013
7° app. con la rubrica curata dal giudice Antonio Maralfa:''Avventure “beat” e… furti di benzina - parte 2''
11/02/2013
6° app. con la rubrica curata dal giudice Antonio Maralfa:''Avventure “beat” e… furti di benzina - parte 1''
22/01/2013
5° app. con la rubrica curata dal giudice Antonio Maralfa:''Il ricordo più triste (6 febbraio 1980)''
18/12/2012
4° app. con la ribrica curata dal giudice Antonio Maralfa:''gli strani espedienti della banda Vallanzasca (Dicembre 1980)''
14/11/2012
Rubrica curata dal giudice Maralfa - 3^ puntata: l’incontro col generale Carlo Alberto Dalla Chiesa (11 luglio 1978)
02/11/2012
2° appuntamento con la rubrica curata dal giudice Maralfa: ''Ricordi lieti e tristi di un vecchio P.M'' - ''L’omicidio del gioielliere molfettese Mimì De Lillo''
22/10/2012
1° appuntamento con la nuova rubrica curata dal Giudice Antonio Maralfa:ricordi lieti e tristi di un vecchio pubblico ministero