Giramolfetta
 MOLFETTA - lunedì 18 giugno 2018 - Giramolfetta anche su... Facebook You Tube
ULTIME NEWS Champions League: la finale tra Real Madrid e Liverpool è terminata 3-1, grazie ai gol di Benzema (R), Manè (L) e una doppietta di Bale (R). I Blancos vincono la competizione per la tredicesima volta e per la terza consecutiva
LE MASSIME DEL GIORNO
Col tempo e l'esperienza fiorisce la prudenza.
 
2^ puntata - ''Il ciclo di sviluppo della tecnologia olearia è arrivato al termine? Ecco cosa bolle in pentola''

2^ puntata - ''Il ciclo di sviluppo della tecnologia olearia è arrivato al termine? Ecco cosa bolle in pentola''


Il ciclo di sviluppo della tecnologia olearia è arrivato al termine? Ecco cosa bolle in pentola

La ricerca di una sempre migliore qualità ed estraibilità dell’olio di oliva ha spinto aziende e università a ricercare nei 15 anni passati nuove tecnologie e nuovi metodi di estrazione che dessero la possibilità ai propri clienti di differenziare e migliorare i propri prodotti riducendo i costi.
La linea degli ultimi anni è stata piuttosto chiara: da un lato costruire macchine che consentissero di produrre oli di eccellenza per il sistema di “tipo italiano”, dall’altro costruire macchine sempre più grandi e veloci per il sistema di “tipo spagnolo”.
Ed è stato uno sviluppo incredibile che ci ha trasportati in una nuova era dove ormai si parla e si discute comunemente anche tra olivicoltori in frantoio di enzimi, polifenoli, componenti minori, profumi, processo...quando solo un decennio fa si affrontava al massimo il tema della resa o della acidità. L’evoluzione del settore è stata profonda e rapida.
E abbiamo, da italiani, magnetizzato l’attenzione del mondo e dei produttori dei due emisferi portandoli sulla strada da noi intrapresa: italiano o spagnolo che sia, il sistema di processo estrattivo è nato qui.
Oggi si avverte però la sensazione che questo primo importantissimo ciclo di sviluppo tecnologico sia arrivato al termine. Certamente esistono ancora le “variazioni sul tema” ma su cosa stanno scommetendo le grandi case produttici di frantoi per i prossimi 10 anni?

La crisi ha portato un rallentamento nello sviluppo di nuovi modelli tecnologici oppure è stata da stimolo per dare inizio ad una nuova fase zero?

Giacomo Costagli, Application & Development Manager, Alfa Laval
Al contrario, per noi la fase di sviluppo non è mai terminata, continua ad andare avanti.
Alfa Laval sta lavorando con particolare attenzione sulle innovazioni in gramolazione e frangitura mente per quanto riguarda i decanter la ricerca va avanti più orientata sulla diminuzione dei costi di gestione e sull’ottimizzazione dei consumi nel rispetto dell’ambiente.
Il cuore dell’estrazione rimane la frangitura e la gramolazione che sarà più continua riducendo i tempi di estrazione e migliorando la qualità del prodotto ottenuto. Su queste tematiche sono uscite recentemente su riviste scientifiche alcune pubblicazioni realizzate da noi in collaborazione con università e centri di ricerca.
Ed è proprio nei momenti di crisi che l’innovazione tecnologica risulta più utile ed efficace.
È proprio attraverso l'innovazione che Alfa Laval ha affrontato la crisi a testa alta. Alcuni esempi:
- Abbiamo introdotto il decanter a due fasi più grosso del settore oleario che ci ha consentito di rientrare prepotentemente nel mercato dei grossi impianti industriali.
- Proprio ieri abbiamo inaugurato uno dei più grossi impianti in argentina dove Alfa Laval propone i concetti di innovazione tecnologica anche alla produzione industriale della nuova olivicoltura moderna che vuol coniugare qualità e volume. Nuovo frangitore da 75 hp, concetto Atmosphera alle gramole de 6 e 9000 kg, e nuovi di decanter a due fasi da 200 e 350 t/gg ( reali!).
- AL è entrata con successo negli ultimi due anni nel trattamento, recupero e valorizzazione dei sottoprodotti con la disidratazione della sansa a due fasi per recupero energetico e trattamento termico delle acque vegetali per recupero di solidi e risoluzione dei problemi annosi ambientali. Quest'ultimo concetto è stato introdotto con successo anche nel frantoio medio di tre fasi per risolvere il problema dello spandimento agronimico delle acque e poter inviare la frazione solida della sansa e quella recuperata dalle acque al biogas o al compostaggio.
- Stiamo lavorando a rivedere in maniera significativa il concetto di gramolazione accorciando i tempi e ottimizzando la qualità. E moduli innocativi in questo senso sono già installati.

Francesco Rancini, Pieralisi Sales Manager and Technical Support
Einstein diceva che le innovazioni sono frutto dei momenti di crisi in cui l'uomo e' costretto a trovare alternative.
La Pieralisi e' sempre in movimento per quello che riguarda la ricerca, non credo che esista un punto zero, ma un miglioramento costante.
Sicuramente nei prossimi anni ci saranno altri sviluppi tecnologici, nel presente stiamo avendo ottimi ritorni dall'innovazione DMF, a cui ho partecipato attivamente durante la sperimentazione e messa a punto, in cui finalmente le acque vegetali e sanse non sono più viste come rifiuti ma come sottoprodotti richiesti dai mercati sia alimentari che delle energie alternative.
Tutto senza mai tralasciare la ricerca volta a migliorare l’attore principale del nostro lavoro, il sig. Olio Extra Vergine di Oliva.

Giorgio Mori, Toscana enologica Mori
Certamente oggi abbiamo raggiunto grandi risultati qualitativi, ma oramai si sente la necessità di cambiare marcia e credo che nei prossimi 2-3 anni si vedranno segnali di cambiamento della tecnologia proposta sul mercato. Non ho dubbi che nei prossimi 10 anni l’impianto per l’estrazione dell’olio extravergine di oliva sarà molto diverso.
Il cambiamento più sostanziale si avrà nella preparazione della pasta e in quella di estrazione dell’olio. L’obiettivo è quello di rendere la gramolazione continua ma efficace per l’estrazione e di avere un decanter sempre più a basso consumo di acqua che dia olio pulito senza necessità dell’uso del separatore. Sembrano forse cose un pò vecchie ma se riusciremo a farle sarà un altro mondo.

Giuseppe Lorusso, Amenduni spa
Amenduni è costantemente alla ricerca di macchinari più performanti per migliorare continuamente la qualità degli oli prodotti. Attualmente stiamo sperimentando decanter di nuova generazione con l’obiettivo di poter eliminare nei prossimi anni l’uso del separatore finale evitando in questo modo una ulteriore centrifugazione dell’olio.
Nel campo della frangitura e della gramolazione stiamo lavorando invece sui giri variabili e sui processi estrattivi a freddo e senza aggiunta di acqua per estrarre e preservare al meglio i componenti minori, i profumi e i polifenoli mantenendo allo stesso tempo alta l’attenzione sul risparmio energetico e sull’impatto ambientale.

di Duccio Morozzo della Rocca
di teatronaturale.it


24/04/2013
Olio e salute a cura di Vincenzo Corrieri - Frantoio Oleario Caputo
12/05/2018
Danni da gelo, le stime aggiornate
18/02/2018
Gestione della chioma e alternanza di produzione
09/01/2018
LA TRASFORMAZIONE - 2^ parte
12/12/2017
Il frantoio sostenibile: biogas dalle sanse
09/08/2017
Lotta alla mosca: c’è ancora molto da fare!
07/06/2017
Potare gli oliveti ad altissima densità
21/04/2017
Microonde nel processo di estrazione dell’olio
14/03/2017
Monitorare le olive ci salva dalla mosca
27/01/2017
Trapianto da contenitore
12/12/2016
Prevista in calo la produzione mondiale di olio
27/10/2016
Miscelare oli di categorie diverse è ingannevole
17/09/2016
Due voci doganali per “vergine” e “extravergine”
07/08/2016
Nuovi accorgimenti per gli impianti intensivi
24/06/2016
Sanzioni olio, un decreto tutto da riscrivere
11/05/2016
La Xylella si cura?
08/04/2016
Olio, più consumi nel mondo. Ma non in tutti i Paesi
08/03/2016
Olivo, il controllo della tignola
15/12/2015
Non c’è pace tra gli ulivi
12/08/2015
Olive da tavola, l’etichetta diventa obbligatoria
11/07/2015
Italiano, solo così si ritrova la leadership
22/06/2015
Biodiversità, il clima fa la spia sulle più forti
08/06/2015
Bio boom anche in cantina. L’impulso del reg. 203/2012, in piena revisione
28/05/2015
Dai sottoprodotti fenoli ad alto valore
15/05/2015
Cambiare i portinnesti per contenere il Capnodio
04/05/2015
Etil esteri, quest’anno è meglio controllarli
25/04/2015
Olivo, la scelta varietale. Come sfruttare l’enorme biodiversità italiana
17/04/2015
Oleocantale, la molecola che annienta i tumori. Risultati preliminari su cellule in provetta
09/04/2015
Spagna a corto di olio di oliva
29/03/2015
Soluzioni anti-ticchiolatura in coltura biologica
21/03/2015
Olio: Alla conquista degli Usa puntando sul salutismo
13/03/2015
Olio d’oliva: Battuta d’arresto delle importazioni
05/03/2015
Coop investe sull’olio 100% italiano. Siglato alla kermesse della Cia l'accordo che porterà sugli scaffali le prime 400 mila bottiglie
22/02/2015
Il campo elettrico pulsato migliora la resa d'estrazione
15/02/2015
Cos'è l'oliocottura e quando si usa
08/02/2015
Opera Olei: nasce il Consorzio che vuole diffondere la cultura dell'olio extra vergine di oliva
30/01/2015
Una chance per vedere se gli olivi sono sani
22/01/2015
Sanse, la resa di metano varia di caso in caso
15/01/2015
Corfù, dai veneziani l'eredità di boschi secolari
10/01/2015
Manuali o elettriche. E il taglio costa meno
26/12/2014
Ai blocchi di partenza la staffetta per la qualità
21/12/2014
Mosca, un flagello. Attenzione alle frodi
07/12/2014
Riforma Pac 2014-2020, le scelte nazionali
01/12/2014
È una chance per mettere in campo le proprie forze
25/11/2014
Raccolta, luci ed ombre di un anno di lavoro
19/11/2014
Olio di oliva, -35%. Prezzi in aumento Crolla la produzione. Impennata delle quotazioni. Scatta l’allarme qualità
14/11/2014
L'olio extravergine di oliva alla sfida dei mercati asiatici
08/11/2014
Al via il decreto emergenza Xylella
02/11/2014
Rialzo dei listini, l'Italia si affranca dalla Spagna
29/10/2014
Nuovi strumenti per smaltire le acque di vegetazione
24/10/2014
Qualità, occhio al degrado nel processo di estrazione
18/10/2014
Mosca, attacchi precoci. Resa e qualità a rischio
11/10/2014
Da mangiare o per condire. Quasi pronti per la raccolta
05/10/2014
Extra bio, crescono le vendite trainate dal chilometro zero
29/09/2014
Corfù, dai veneziani l'eredità di boschi secolari
24/09/2014
Reflui oleari, i metodi per renderli “buoni”
18/09/2014
Taglio drastico agli aiuti con l'arrivo della nuova Pac
12/09/2014
Idrossitirosolo, molto più di un antiossidante
06/09/2014
Le sostanze naturali che colorano l'extra
30/08/2014
Dai greci ai giorni nostri. La storia dei contenitori
24/08/2014
Il suicidio dell'olio di oliva. Il Nyt attacca il made in Italy
17/08/2014
Pompa a zaino ''Sparamosca''
10/08/2014
Impianti intelligenti che dosano i concimi
30/07/2014
Con l'olio d'oliva anche il fegato è protetto
25/07/2014
Con il recupero dei reflui il risparmio è assicurato
20/07/2014
Le migliori attrezzature per gestire dei residui
14/07/2014
Bottiglie scure o ambrate. L'olio sta meglio in vetro
07/07/2014
Travaso e filtrazione. Prime fasi di conservazione
02/07/2014
No al rabbocco. Miscele in etichetta
23/06/2014
Per una bella fioritura ci vuole tanta luce
16/06/2014
I marcatori molecolari che scoprono le bugie
10/06/2014
Idrossitirosolo, molto più di un antiossidante
04/06/2014
Le sostanze naturali che colorano l'extra
28/05/2014
Norme, una vecchia storia di ricerca e di parametri
23/05/2014
Il suicidio dell'olio di oliva Il Nyt attacca il made in Italy
16/05/2014
Dai greci ai giorni nostri. La storia dei contenitori
11/05/2014
Impianti intelligenti che dosano i concimi
04/05/2014
L'acqua migliore per la salute dell'olivo
27/04/2014
Fenoli dell'olio, i guardiani del sistema cardiovascolare
19/04/2014
Olio: Scambi internazionali. Ripresa dopo il ristagno
13/04/2014
Olio d'oliva, nuovi spazi nei Paesi emergenti
04/04/2014
Dopo le piogge attenzione al risveglio dei patogeni
28/03/2014
Competizione idrica è tempo di sfalciare
23/03/2014
Olio extravergine d’oliva biologico: buono per il palato e per la salute
19/03/2014
Dalle olive una miniera di composti bioattivi
11/03/2014
Extravergine e pomodoro. Un connubio da testare
05/03/2014
L'alta qualità combatte le malattie. La bassa le favorisce
24/02/2014
Meglio e più a lungo: il ruolo della Dieta Mediterranea e dell'olio extravergine di oliva
20/02/2014
LE VIRTÙ SALUTARI DA METTERE SUBITO IN TAVOLA - 2^ PARTE
12/02/2014
LE VIRTÙ SALUTARI DA METTERE SUBITO IN TAVOLA - 1^ parte
05/02/2014
16^ puntata - ''OSSERVARE E GUSTARE''
28/01/2014
15^ puntata - ''OLIO D’OLIVA: UN FILO D’ORO PER IL BENESSERE TOTALE''
21/01/2014
14^ puntata - ''Il grande inganno dell'olio extra vergine d'oliva e la speranza dell'Alta Qualità''
27/12/2013
13^ puntata - ''Superato anche il talco. In frantoio è meglio il carbonato di calcio''
01/11/2013
12^ puntata - ''Dove è finita l'alta qualità dell'olio extra vergine d'oliva italiano?''
06/10/2013
11^ puntata - ''Tutti i rischi della potatura degli olivi durante la raccolta''
19/09/2013
10^ puntata - ''L'Alta Qualità per l'olio d'oliva torna in alto mare''
14/08/2013
9^ puntata - ''Dalla sansa estrarre polifenoli a uso cosmetico e farmaceutico''
04/08/2013
8^ puntata - ''Un linguaggio nuovo per dare valore sensoriale agli oli di eccellenza''
13/07/2013
7^ puntata - ''Identikit del consumatore d'olio italiano''
25/06/2013
6^ puntata - ''L’olio italiano viaggia in Ferrari''
09/06/2013
5^ puntata - ''L’anima internazionale dell’olio bio ha casa in Puglia''
25/05/2013
4^ puntata - ''La scienza non ha dubbi, usate l’olio extravergine di oliva''
12/05/2013
3^ puntata :''E' fuorilegge la dicitura Bassa Acidità sull'etichetta dell'olio extra vergine d'oliva''
24/04/2013
2^ puntata - ''Il ciclo di sviluppo della tecnologia olearia è arrivato al termine? Ecco cosa bolle in pentola''
10/04/2013
1^ puntata - ''PRESENTAZIONE''