Giramolfetta
 MOLFETTA - venerdì 12 aprile 2024 - Giramolfetta anche su... Facebook You Tube
 
12^ puntata - ''LA RIPARTIZIONE DELLE COMPETENZE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE''

12^ puntata - ''LA RIPARTIZIONE DELLE COMPETENZE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE''


LA RIPARTIZIONE DELLE COMPETENZE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
Competenze dello Stato. Sulla base di quanto disposto dal d.lgs. 152/2006, spettano allo Stato le funzioni di indirizzo e coordinamento e la definizione dei criteri generali per la gestione integrata dei rifiuti e in particolare:
- l’individuazione delle iniziative e delle misure per prevenire e limitare la produzione dei rifiuti, nonchè per ridurne la pericolosità;
- l’individuazione dei flussi di produzione dei rifiuti con più elevato impatto ambientale e l’adozione di criteri generali per la redazione di piani di settore per la riduzione, il riciclaggio, il recupero e l’ottimizzazione dei flussi di rifiuto;
- l’individuazione degli impianti di recupero e di smaltimento di preminente interesse nazionale;
- la determinazione di criteri generali, differenziati per i rifiuti urbani e per i rifiuti speciali, ai fine della elaborazione dei piani regionali, con particolare riferimento alla determinazione, d’intesa con la Conferenza Stato-Regioni, delle linee guida per la individuazione degli Ambiti territoriali ottimali;
- la determinazione di linee guida per la definizione delle gare d’appalto, per i modi di cooperazione fra gli Enti locali in materia e per i criteri generali degli standard di bonifica dei siti inquinati;
- l’indicazione dei criteri generali relativi alle caratteristiche delle aree non idonee alla localizzazione degli impianti di smaltimento dei rifiuti;
- l’indicazione dei criteri generali per l’organizzazione e l’attuazione della raccolta differenziata dei rifiuti urbani;
- l’indicazione dei criteri e delle modalità di adozione delle norme tecniche per la gestione dei rifiuti, dei rifiuti pericolosi e di specifiche tipologie di rifiuti;
- l’adozione delle norme e delle condizioni per l’applicazione delle procedure semplificate di cui agli art. 214, 215 e 216, d.lgs. 152/2006;
- la determinazione dei limiti di accettabilità e delle caratteristiche chimiche, fisiche e biologiche di talune sostanze contenute nei rifiuti in relazione a specifiche utilizzazioni degli stessi;
- la disciplina delle attività di recupero dei prodotti di amianto;
- la determinazione dei criteri per l’assimilazione dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani e la definizione dei metodi per il campionamento e l’analisi dei rifiuti;
- la riorganizzazione e la tenuta del Catasto nazionale dei rifiuti;
- l’aggiornamento degli allegati al d.lgs. 152/2006.
Competenze delle regioni. Alle Regioni il d.lgs. 152/2006 attribuisce la funzione di disciplinare e regolamentare le attività inerenti la gestione dei rifiuti.
In particolare è attribuito alle Regioni il compito di provvedere alla predisposizione, l’adozione e l’aggiornamento (sentiti le Provincie, i Comuni e le Autorità d’ambito) dei Piani regionali di gestione dei rifiuti, di cui all’art. 199 d.lgs. 152/2006.
I Piani regionali devono prevedere misure tese alla riduzione delle quantità, dei volumi e della pericolosità dei rifiuti, prevedendo tra l’altro:
- le condizioni e i criteri tecnici in base ai quali gli impianti per la gestione dei rifiuti, ad eccezione delle discariche, possono essere localizzati nelle aree destinate a insediamenti produttivi;
- la tipologia e il complesso degli impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti urbani da realizzare nella regione;
- il complesso delle attività e dei fabbisogni degli impianti necessari a garantire la gestione dei rifiuti urbani secondo criteri di trasparenza, efficacia, efficienza, economicità e autosufficienza della gestione dei rifiuti urbani non pericolosi all’interno di ciascuno degli ambiti territoriali;
- le prescrizioni contro l’inquinamento del suolo e il versamento nel terreno di discariche di rifiuti civili e industriali che comunque possono incidere sulla qualità dei corpi idrici superficiali e sotterranei;
- i criteri per l’individuazione, da parte delle Provincie, delle aree idonee allo smaltimento dei rifiuti e le iniziative dirette a limitare la produzione dei rifiuti e a favorire il riutilizzo, il riciclaggio e il recupero dei rifiuti.
Il Piano è coordinato con gli altri strumenti di pianificazione di competenza regionale previsti dalla normativa vigente, ove adottati.
Costituiscono parte integrante del Piano regionale i piani per la bonifica delle aree inquinate: in particolare è prevista la suddivisione e la delimitazione del territorio in diversi Ambiti territoriali ottimale (ATO). Stante l’importanza delle competenze regionali in materia e soprattutto per ciò che concerne le attività pianificatorie e di coordinamento, il legislatore ha previsto – in caso di inerzia – un potere di intervento diretto e sostitutivo del Ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio.
Compendio di diritto (Le Mounier)


17/08/2013
Globeco
11/06/2014
L’INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO
04/06/2014
CONTROLLO DELL’URBANIZZAZIONE E OBBLIGHI DI INFORMAZIONE
29/05/2014
ADEMPIMENTI CONNESSI ALLA GESTIONE DI ATTIVITÀ PERICOLOSE - 2^ parte
23/05/2014
ADEMPIMENTI CONNESSI ALLA GESTIONE DI ATTIVITÀ PERICOLOSE - 1^ parte
16/05/2014
I SOGGETTI ISTITUZIONALI
08/05/2014
INDUSTRIE A RISCHIO DI INCIDENTE PER ATTIVITÀ CONNESSE A SOSTANZE PERICOLOSE
03/05/2014
ALTRI RISCHI PROFESSIONALI - 2^ parte
29/04/2014
ALTRI RISCHI PROFESSIONALI - 1^ parte
25/04/2014
RAEE: isola ecologiche nei negozi grazie a Hera ed Ecolight
16/04/2014
LE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER LA VIOLAZIONE DI NORME IN MATERIA DI LAVORO
09/04/2014
ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI
03/04/2014
IL RISCHIO AMIANTO IN EDILIZIA
27/03/2014
LA TUTELA DELL’AMIANTO
24/11/2013
21^ puntata - ''IL CONAI(Consorzio nazionale imballaggi )''
12/11/2013
20^ puntata - ''LA GESTIONE DEGLI IMBALLAGGI E DEI RIFIUTI DA IMBALLAGGI''
04/11/2013
19^ puntata - ''GLI OBBLIGHI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI E LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DI GESTIONE RIFIUTI - (2^ parte)''
24/10/2013
18^ puntata - ''GLI OBBLIGHI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI E LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DI GESTIONE RIFIUTI - 1^ parte''
11/10/2013
17^ puntata - ''LE DISCARICHE E LA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI''
30/09/2013
16^ puntata - ''IL CATASTO DEI RIFIUTI''
16/09/2013
15^ puntata - ''REGISTRI DI CARICO E SCARICO''
05/09/2013
14^ puntata - ''L’OSSERVATORIO NAZIONALE SUI RIFIUTI E GLI OBBLIGHINELLA GESTIONE DEI RIFIUTI''
25/08/2013
13^ puntata - ''LA RIPARTIZIONE DELLE COMPETENZE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - 2^parte''
17/08/2013
12^ puntata - ''LA RIPARTIZIONE DELLE COMPETENZE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE''
07/08/2013
11^ puntata - ''PARTICOLARI CATEGORIE DI RIFIUTI - 3^ parte''
24/07/2013
10^ puntata . ''PARTICOLARI CATEGORIE DI RIFIUTI - 2^ parte''
07/07/2013
9^ puntata - ''PARTICOLARI CATEGORIE DI RIFIUTI - 1^ parte''
15/06/2013
8^ puntata - ''La gestione dei rifiuti - 2^ parte''
01/05/2013
7^ puntata - ''La gestione dei rifiuti - 1^ parte''
15/02/2013
6° app. con la rubrica a cura della Globeco: ''Altre attività dell’azienda''
30/01/2013
5° app. con la rubrica a cura della Globeco: ''Centro coordinamento RAEE''
17/01/2013
4° app. con la rubrica a cura della Globeco: ''Superare la crisi salvando l'ambiente''
31/12/2012
3° app. con la rubrica a cura della Globeco: ''Range di operatività''
11/12/2012
2° app. con la rubrica a cura della Globeco: ''I suoi obbiettivi''
19/11/2012
1° app. con la rubrica a cura della Globeco: ''RACCOLTA E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI''