Giramolfetta
 MOLFETTA - lunedì 18 giugno 2018 - Giramolfetta anche su... Facebook You Tube
ULTIME NEWS Champions League: la finale tra Real Madrid e Liverpool è terminata 3-1, grazie ai gol di Benzema (R), Manè (L) e una doppietta di Bale (R). I Blancos vincono la competizione per la tredicesima volta e per la terza consecutiva
LE MASSIME DEL GIORNO
Col tempo e l'esperienza fiorisce la prudenza.
 
Manuali o elettriche. E il taglio costa meno

Manuali o elettriche. E il taglio costa meno



Attrezzature agevolatrici e potatrici meccaniche riducono le spese dell’operazione che viene effettuata da terra e non più sulle scale. La vasta tipologia consente anche alle piccole medie aziende olivicole di meccanizzare in parte la potatura

Il contenimento dei costi in olivicoltura che non penalizzi la produttività della pianta, è un obiettivo che si sta perseguendo con la meccanizzazione delle operazioni colturali, fra le quali la potatura che richiede un’elevata professionalità ed esperienza da parte dell’operatore: requisito che non sempre si riscontra fra gli operatori.
L’introduzione di una vasta gamma di attrezzi e potatrici in grado di svolgere il lavoro con interventi meccanici selettivi e tempestivi consente di organizzare cantieri di potatura che, a seconda dei sesti di impianto e delle forme di allevamento della pianta, permettono di diversificare e modulare la tipologia di intervento.
Le attrezzature manuali, endotermiche, pneumatiche ed elettriche consentono di operare da terra eliminando in tal modo l’uso delle scale che rimangono tuttora causa di numerosi incidenti.
Le manuali (cesoie a lama e controlama, a lama battente, a doppia lama, troncarami, seghetto, svettatoio e seghetto con asta) trovano ancora un utilizzo per lo più da parte di hobbisti; gli stessi attrezzi oggi vengono anche azionati da aria compressa generata da compressori collegati al motocoltivatore o al trattore, da elettricità fornita da batterie al litio-ionio e da motore endotermico (motoseghe).

Qualità e sicurezza
Le forbici pneumatiche possono effettuare tagli sino a 3,5-4 cm di diametro e il loro peso oscilla tra lo 0,4-0,7 Kg; se la forbice viene utilizzata con impugnatura diretta è necessario indossare nella mano un guanto antitaglio che alcune ditte costruttrici hanno dotato di un sensore che, a seguito di un contatto accidentale con l’organo tagliante, blocca istantaneamente l’operatività dell’attrezzo.
I troncarami altro non sono che forbici con maggiore capacità di taglio (5-6 cm) e il loro peso oscilla dai 2 ai 4 Kg a seconda della lunghezza dell’asta; l’aria compressa fa azionare l’organo cesorio sia in fase di taglio che di rilascio (dopo il taglio).
Le seghe a catena possono essere con impugnatura diretta o montata su asta, e vengono utilizzate quando il diametro della branca o del ramo da potare supera i 15-20 cm.
Sul mercato incontrano sempre maggiore interesse modelli con dispositivi che evitano il “contraccolpo” o “rimbalzo” (effetto kickhack) della lama sul taglio.
Nel caso che l’aria compressa non venga fornita dal compressore applicato al trattore o al motocoltivatore, ma da un motocompressore, è consigliabile scegliere il compressore con prestazioni di pressione superiori a quelle richieste per consentire una maggiore flessibilità nella gestione di eventuali modifiche, se dovessero rendersi necessarie, del cantiere di lavoro.
Comunque, per ottimizzare i tempi e per non affaticare oltre misura l’operatore, è consigliabile scegliere un kit di utensili che rispondano alle effettive esigenze dell’operazione, senza ricorrere ad attrezzature dotate di capacità di taglio superiore a quelle effettivamente necessarie. Utilizzare un troncarami per tagli che possono essere effettuati con una forbice pneumatica, oltre ad affaticare ulteriormente l’operatore a causa del maggior peso, fa rallentare l’esecuzione del lavoro.
Le innovazioni avvenute nel settore delle batterie hanno consentito di poter disporre di fonti di energia elettrica per azionare in modo ottimale le stesse attrezzature, senza dover ricorrere a compressori portati da motocoltivatori o da trattori.

Forbici e troncarami
Le forbici elettroniche in grado di potare rami di 3-5 cm di diametro consentono, premendo sul “grilletto” un progressivo avanzamento del taglio che può essere invertito interrompendo la pressione (taglio progressivo); si può ottenere un ciclo completo (a impulso) allorquando si eserciti una lieve pressione sul grilletto: opzione che consente di ottenere un ciclo completo dell’azione della forbice con chiusura e apertura delle lame.
Con il taglio progressivo (servoassistito), che garantisce una notevole sicurezza nell’impiego della forbice, si raggiunge un’elevata precisione di taglio; nel “completo” la sicurezza è minore, ma si opera alla massima velocità.
Se si debbono potare rami di piccolo o medio diametro, in alcuni modelli di forbici è possibile ampliare l’apertura delle lame anche del 50-70%, consentendo in tal modo di aumentare la velocità dell’operazione.
A livello di sicurezza vengono adottati dispositivi che regolano l’azione di taglio dopo un doppio click al grilletto, evitando così l’avviamento involontario delle forbici.
Le batterie possono essere al NiMh, al NiCl o al litio-ionio, e vengono portare dall’operatore in uno zainetto o gilet. La loro autonomia varia a seconda della tipologia di intervento e del tempo di utilizzo e può arrivare sino tre giorni; il tempo di ricarica oscilla dalle 5 alle 7 ore. Quelle al litio possono essere controllate elettronicamente e monitorate da un software che, mediante un piccolo monitor, indica il livello di autonomia. L’autonomia della batteria dei troncarami è mediamente di 5-8 ore con un tempo di ricarica di 5 ore circa.
Per rendere più agevole l’uso sia delle forbici, sia del troncarami se montati su aste di prolunga, il taglio di potatura è azionato e comandato da un guanto indossato dall’operatore, all’interno del quale è collocato un micro interruttore che viene azionato premendo un dito sull’asta: così l’operatore è libero di spostare le mani lungo la prolunga a seconda dell’altezza dell’intervento.

Motoseghe
La motosega elettronica viene utilizzata soprattutto per la potatura di riforma dell’olivo. È azionata da un motore elettrico senza spazzole e da una batteria generalmente al litio-ionio che viene portata dall’operatore mediante apposito gilet. La lubrificazione della catena, così come la regolazione della tensione, avviene automaticamente mentre l’inclinazione della testa della sega è regolata manualmente. Le aste sulle quali è montata la motosega sono generalmente in fibra di carbonio e telescopiche in modo da poter eseguire la potatura a diverse altezze, sino a un massimo di tre metri e mezzo.
Oltre alle motoseghe elettroniche, vengono utilizzate anche quelle azionate da motore endotermico a due tempi di circa 30-50 cm3 che hanno tutti i dispositivi per controllarne e regolarne il funzionamento, dall’accensione del motore alla lubrificazione automatica della catena.
Le motoseghe con motore endotermico, rispetto a quelle elettriche, hanno un peso superiore (3-5 Kg), ma il bilanciamento dei pesi non affatica oltre misura l’operatore. L’organo di taglio è costituito da una lama con catena di lunghezza variabile (dai 25 ai 35 cm) a seconda della dimensione dei tagli da effettuare. Per eseguire potature in olivi alti oltre 4 m, queste motoseghe vengono montate su aste telescopiche di decespugliatori o di attrezzature azionate da motore endotermico.
La potatura effettuata con le attrezzature agevolatrici menzionate ha indubbiamente costi ridotti del 30-40% e richiede investimenti di capitali sopportabili anche da parte delle piccole aziende.
La meccanizzazione integrale della potatura rappresenta, invece, una realtà e contemporaneamente una prospettiva per realizzare cantieri di lavoro con abbattimento dei costi del 70-80%.

Potatrici meccaniche
Questa soluzione, però, richiede una ridefinizione dei modelli di olivicoltura che si intendono adottare, soprattutto per quanto riguarda gli impianti olivicoli superintensivi e, in parte, quelli intensivi.
Indipendentemente dalle valutazioni tecniche e economiche riferite a tali tipologie di impianti, le potatrici meccaniche vengono da tempo utilizzate in oliveti superintensivi con risultati che non penalizzano la struttura della pianta e la sua produttività.
Le potatrici presenti sul mercato, usate anche in frutticoltura, si differenziano, oltre che per la struttura costruttiva della macchina, soprattutto per la tipologia di esecuzione dell’intervento cesorio che può essere effettuato con organo di taglio costituito da lame a denti con moto alternativo (barre falcianti) oppure con organi di taglio con moto rotativo.
Le prime possono eseguire interventi su formazioni legnose di 3-5 cm di diametro, e quindi generalmente vengono utilizzate per potature leggere; le seconde, costituite da una serie di dischi a bordo tagliente montati su una struttura portante regolabile fino a 3 m, in modo da variare la lunghezza di taglio a seconda delle esigenze, vengono azionati idraulicamente.
Il moto rotatorio dei dischi raggiunge i 3.500-4mila giri/minuto, permettendo così di tagliare branche di oltre 15 cm di diametro. La qualità dell’intervento cesorio dipende dalla velocità di avanzamento della potatrice e dalla rotazione dei dischi.
Queste macchine possono essere semoventi o portate dalla trattrice, e possono effettuare tagli sulla chioma sia laterali (hending), verticali o inclinati di 15-30° rispetto alla verticale, sia paralleli al terreno sulla parte alta (topping) o bassa della chioma.
Con alcuni modelli di potatrici meccaniche i residui di potatura vengono contemporaneamente raccolti e triturati per produrre cippato.

Di Antonio Ricci

Fonte: agricoltura24



10/01/2015
Olio e salute a cura di Vincenzo Corrieri - Frantoio Oleario Caputo
12/05/2018
Danni da gelo, le stime aggiornate
18/02/2018
Gestione della chioma e alternanza di produzione
09/01/2018
LA TRASFORMAZIONE - 2^ parte
12/12/2017
Il frantoio sostenibile: biogas dalle sanse
09/08/2017
Lotta alla mosca: c’è ancora molto da fare!
07/06/2017
Potare gli oliveti ad altissima densità
21/04/2017
Microonde nel processo di estrazione dell’olio
14/03/2017
Monitorare le olive ci salva dalla mosca
27/01/2017
Trapianto da contenitore
12/12/2016
Prevista in calo la produzione mondiale di olio
27/10/2016
Miscelare oli di categorie diverse è ingannevole
17/09/2016
Due voci doganali per “vergine” e “extravergine”
07/08/2016
Nuovi accorgimenti per gli impianti intensivi
24/06/2016
Sanzioni olio, un decreto tutto da riscrivere
11/05/2016
La Xylella si cura?
08/04/2016
Olio, più consumi nel mondo. Ma non in tutti i Paesi
08/03/2016
Olivo, il controllo della tignola
15/12/2015
Non c’è pace tra gli ulivi
12/08/2015
Olive da tavola, l’etichetta diventa obbligatoria
11/07/2015
Italiano, solo così si ritrova la leadership
22/06/2015
Biodiversità, il clima fa la spia sulle più forti
08/06/2015
Bio boom anche in cantina. L’impulso del reg. 203/2012, in piena revisione
28/05/2015
Dai sottoprodotti fenoli ad alto valore
15/05/2015
Cambiare i portinnesti per contenere il Capnodio
04/05/2015
Etil esteri, quest’anno è meglio controllarli
25/04/2015
Olivo, la scelta varietale. Come sfruttare l’enorme biodiversità italiana
17/04/2015
Oleocantale, la molecola che annienta i tumori. Risultati preliminari su cellule in provetta
09/04/2015
Spagna a corto di olio di oliva
29/03/2015
Soluzioni anti-ticchiolatura in coltura biologica
21/03/2015
Olio: Alla conquista degli Usa puntando sul salutismo
13/03/2015
Olio d’oliva: Battuta d’arresto delle importazioni
05/03/2015
Coop investe sull’olio 100% italiano. Siglato alla kermesse della Cia l'accordo che porterà sugli scaffali le prime 400 mila bottiglie
22/02/2015
Il campo elettrico pulsato migliora la resa d'estrazione
15/02/2015
Cos'è l'oliocottura e quando si usa
08/02/2015
Opera Olei: nasce il Consorzio che vuole diffondere la cultura dell'olio extra vergine di oliva
30/01/2015
Una chance per vedere se gli olivi sono sani
22/01/2015
Sanse, la resa di metano varia di caso in caso
15/01/2015
Corfù, dai veneziani l'eredità di boschi secolari
10/01/2015
Manuali o elettriche. E il taglio costa meno
26/12/2014
Ai blocchi di partenza la staffetta per la qualità
21/12/2014
Mosca, un flagello. Attenzione alle frodi
07/12/2014
Riforma Pac 2014-2020, le scelte nazionali
01/12/2014
È una chance per mettere in campo le proprie forze
25/11/2014
Raccolta, luci ed ombre di un anno di lavoro
19/11/2014
Olio di oliva, -35%. Prezzi in aumento Crolla la produzione. Impennata delle quotazioni. Scatta l’allarme qualità
14/11/2014
L'olio extravergine di oliva alla sfida dei mercati asiatici
08/11/2014
Al via il decreto emergenza Xylella
02/11/2014
Rialzo dei listini, l'Italia si affranca dalla Spagna
29/10/2014
Nuovi strumenti per smaltire le acque di vegetazione
24/10/2014
Qualità, occhio al degrado nel processo di estrazione
18/10/2014
Mosca, attacchi precoci. Resa e qualità a rischio
11/10/2014
Da mangiare o per condire. Quasi pronti per la raccolta
05/10/2014
Extra bio, crescono le vendite trainate dal chilometro zero
29/09/2014
Corfù, dai veneziani l'eredità di boschi secolari
24/09/2014
Reflui oleari, i metodi per renderli “buoni”
18/09/2014
Taglio drastico agli aiuti con l'arrivo della nuova Pac
12/09/2014
Idrossitirosolo, molto più di un antiossidante
06/09/2014
Le sostanze naturali che colorano l'extra
30/08/2014
Dai greci ai giorni nostri. La storia dei contenitori
24/08/2014
Il suicidio dell'olio di oliva. Il Nyt attacca il made in Italy
17/08/2014
Pompa a zaino ''Sparamosca''
10/08/2014
Impianti intelligenti che dosano i concimi
30/07/2014
Con l'olio d'oliva anche il fegato è protetto
25/07/2014
Con il recupero dei reflui il risparmio è assicurato
20/07/2014
Le migliori attrezzature per gestire dei residui
14/07/2014
Bottiglie scure o ambrate. L'olio sta meglio in vetro
07/07/2014
Travaso e filtrazione. Prime fasi di conservazione
02/07/2014
No al rabbocco. Miscele in etichetta
23/06/2014
Per una bella fioritura ci vuole tanta luce
16/06/2014
I marcatori molecolari che scoprono le bugie
10/06/2014
Idrossitirosolo, molto più di un antiossidante
04/06/2014
Le sostanze naturali che colorano l'extra
28/05/2014
Norme, una vecchia storia di ricerca e di parametri
23/05/2014
Il suicidio dell'olio di oliva Il Nyt attacca il made in Italy
16/05/2014
Dai greci ai giorni nostri. La storia dei contenitori
11/05/2014
Impianti intelligenti che dosano i concimi
04/05/2014
L'acqua migliore per la salute dell'olivo
27/04/2014
Fenoli dell'olio, i guardiani del sistema cardiovascolare
19/04/2014
Olio: Scambi internazionali. Ripresa dopo il ristagno
13/04/2014
Olio d'oliva, nuovi spazi nei Paesi emergenti
04/04/2014
Dopo le piogge attenzione al risveglio dei patogeni
28/03/2014
Competizione idrica è tempo di sfalciare
23/03/2014
Olio extravergine d’oliva biologico: buono per il palato e per la salute
19/03/2014
Dalle olive una miniera di composti bioattivi
11/03/2014
Extravergine e pomodoro. Un connubio da testare
05/03/2014
L'alta qualità combatte le malattie. La bassa le favorisce
24/02/2014
Meglio e più a lungo: il ruolo della Dieta Mediterranea e dell'olio extravergine di oliva
20/02/2014
LE VIRTÙ SALUTARI DA METTERE SUBITO IN TAVOLA - 2^ PARTE
12/02/2014
LE VIRTÙ SALUTARI DA METTERE SUBITO IN TAVOLA - 1^ parte
05/02/2014
16^ puntata - ''OSSERVARE E GUSTARE''
28/01/2014
15^ puntata - ''OLIO D’OLIVA: UN FILO D’ORO PER IL BENESSERE TOTALE''
21/01/2014
14^ puntata - ''Il grande inganno dell'olio extra vergine d'oliva e la speranza dell'Alta Qualità''
27/12/2013
13^ puntata - ''Superato anche il talco. In frantoio è meglio il carbonato di calcio''
01/11/2013
12^ puntata - ''Dove è finita l'alta qualità dell'olio extra vergine d'oliva italiano?''
06/10/2013
11^ puntata - ''Tutti i rischi della potatura degli olivi durante la raccolta''
19/09/2013
10^ puntata - ''L'Alta Qualità per l'olio d'oliva torna in alto mare''
14/08/2013
9^ puntata - ''Dalla sansa estrarre polifenoli a uso cosmetico e farmaceutico''
04/08/2013
8^ puntata - ''Un linguaggio nuovo per dare valore sensoriale agli oli di eccellenza''
13/07/2013
7^ puntata - ''Identikit del consumatore d'olio italiano''
25/06/2013
6^ puntata - ''L’olio italiano viaggia in Ferrari''
09/06/2013
5^ puntata - ''L’anima internazionale dell’olio bio ha casa in Puglia''
25/05/2013
4^ puntata - ''La scienza non ha dubbi, usate l’olio extravergine di oliva''
12/05/2013
3^ puntata :''E' fuorilegge la dicitura Bassa Acidità sull'etichetta dell'olio extra vergine d'oliva''
24/04/2013
2^ puntata - ''Il ciclo di sviluppo della tecnologia olearia è arrivato al termine? Ecco cosa bolle in pentola''
10/04/2013
1^ puntata - ''PRESENTAZIONE''