Giramolfetta
 MOLFETTA - sabato 24 ottobre 2020 - Giramolfetta anche su... Facebook You Tube
 
Ai Chi: quando il Tai Chi si immerge nell’acqua

Ai Chi: quando il Tai Chi si immerge nell’acqua



Millenaria “danza meditativa” e pratica salutista, che scritti del passato fanno risalire a tremila anni fa, il Tai Chi è meditazione in movimento. Anticamente si effettuava in spazi selvatici ricchi di “Chi” – energia – dove il praticante si riuniva a terra e cielo, percependo, in uno stato di grazia chiamato
“satori”, la totalità e l’individualità di tutte le cose. Il Tai Chi tradizionale si svolge a terra, ma in Giappone si è studiata l’opportunità di “danzarlo” in acqua. Jun Konno, ex trainer della nazionale olimpionica di nuoto giapponese e oggi promotore dell’associazione “Aqua Dynamics Institute” di Yokohama, ha provato a praticarlo in una piscina termale, scoprendone l’enorme beneficio aggiunto dall’acqua.
Jun Konno ha chiamato questo nuovo Tai chi acquatico Ai Chi. «L’ispirazione per creare l’Ai Chi è nata osservando il piacere che provano i Giapponesi nell’eseguire con precisione gli esercizi fisici», sostiene Konno. «Gli orientali non amano l’eccessivo dinamismo e l’uso energico della forza. Preferiscono le pratiche in cui ci si muove con lentezza e più consapevolezza. Oggi l’Ai Chi è entrato a far parte della quotidianità di migliaia di giapponesi. Studi dell’università di Tsukuba e Tokai –
in Giappone – ne hanno stabilito il valore: durante la pratica dell’Ai Chi il consumo di ossigeno si accresce del 4-7%. I movimenti dell’Ai Chi sono una “ginnastica” respiratoria che tonifica il flusso d’ossigeno al cervello».
L
a forza vitale dell’acqua
L’Ai Chi stimola la fluidità e la libertà del corpo in acqua e la circolazione del Chi, l’energia vitale che scorre attraverso i “meridiani”. La sequenza comprende 19 movimenti – Kata – che ci rieducano a un “galateo” di gesti lenti coordinati al ritmo del respiro, eleganti e circolari. Ci permettono di “ascoltare” le sensazioni corporee e le emozioni che sorgono dal profondo del cuore, innescando così uno stato di pace e di serenità. L’Ai Chi è una pratica individuale che stimola consapevolezza, capacità di ascolto e, secondo i suoi cultori, attiva un processo di autoguarigione. È anche un’arte marziale che, attraverso la ripetizione del gesto, rafforza disciplina e maestria.
L’Ai Chi conserva inoltre i principi della cultura Zen: compiere ogni gesto senza inutili sprechi energetici. E in parte senza il “fare”, cioè senza intenzionalità.

Acqua calda per “danzare” meglio
Per praticare l’Ai Chi ci s’immerge in acqua bassa: l’altezza ideale è di 1,20 metri. I piedi devono essere ben radicati al fondo vasca, le gambe leggermente allargate e piegate, le spalle immerse nell’acqua. Questa “messa a terra” ci dona equilibrio e stabilità. Quando si “danza” l’Ai Chi si è in contatto con i quattro elementi: la terra – che si raggiunge con i piedi radicati al fondo vasca –, il fuoco – che riscalda l’acqua dal nucleo incandescente della terra –, l’acqua – medium perfetto che ci fa galleggiare e riunire al tutto – e l’aria – che ci “nutre” respirando. La piscina si trasforma in un ambiente dove gli elementi si fondono in armonia. E dove si possono sentire connessi corpo, mente e spirito.

Il ventre materno
La temperatura dell’acqua dovrà essere di 34-35°C. Un tepore che addolcisce la “risposta” del sistema termoregolatore che si attiva nel cervello – ipotalamo – e nei termo recettori della pelle. L’acqua a 35 °C conserva l’equilibrio termico del nostro corpo ai valori ottimali, ci permette un’immersione statica e ci procura sensazioni di benessere e serenità. L’Ai Chi è un “body work” acquatico completo che accresce la sensibilità e la consapevolezza sensoriale. Il nostro corpo è attraversato da nervi sensori dotati di propriocettori che registrano ogni stimolo rimandando poi
tutte queste informazioni – impulsi nervosi – al midollo spinale e al cervello. Nell’acqua tiepida la pelle, stimolata dal calore, dalla pressione e dal movimento acqueo, si rivitalizza e sensibilizza, ricevendo una quantità enorme di “carezze”. La “danza” dell’Ai Chi è un’ottima ginnastica posturale che ci aiuta ad ampliare la coordinazione motoria.

La serie di movimenti
La sequenza di 19 movimenti dell’Ai Chi si può imparare in un fine settimana. All’inizio della pratica si possono studiare solo i primi “5 movimenti del respiro”, ripetendoli più volte. Dopo aver raggiunto la padronanza del gesto, tutto fluirà con armonia e naturalezza.
Il respiro ritroverà così il suo ritmo. Poi si praticano i 5 movimenti per sciogliere e liberare le braccia e la parte alta del corpo. Seguono i 3 kata per muovere il bacino e le gambe. Poi i 3 per prendere e ridare energia all’acqua. E infine gli ultimi 3 integrativi per concludere la pratica con dei giri circolari che ci riportano al centro di noi stessi.

Yin e Yang si armonizzano
Praticando la sequenza di Ai Chi, si “disegnano” in acqua cerchi, curve e spirali sempre più ampi. Con eleganza e morbidezza. La lentezza dei gesti ci permette di perfezionare il movimento e di affinare la percezione di sè. La sequenza dei 19 movimenti si svolgerà senza interruzioni. Il ritmo dell’Ai Chi alterna azione a riposo, dolcezza a vigore. Così si armonizzano le due forze Yin – fredda e femminile – e Yang – calda e maschile – che per i cinesi regolano il nostro equilibrio psicosomatico e il benessere corpo-mente-anima.

di Italo Bertolasi,
tratto da L’Altra Medicina Magazine
www.laltramedicina.it


27/03/2015
''Il mondo del biologico'' a cura di Cuore bio - Terra madre
11/08/2015
Il rispetto degli animali: un presupposto fondamentale
12/07/2015
Il miele biologico: per il benessere delle api
25/06/2015
Etichette: nuove regole
08/06/2015
L’orto fai da te: come si prepara il terreno
29/05/2015
Il nostro punto di vista sul biologico
16/05/2015
Il gusto vegetale di Isola Bio
05/05/2015
La qualità risponde
28/04/2015
Fertili campagne del sud
10/04/2015
Passato, presente e futuro
01/04/2015
L’alimentazione dello sportivo in inverno
27/03/2015
Ai Chi: quando il Tai Chi si immerge nell’acqua
17/03/2015
La Terra: diritto o merce di scambio? Il Land grabbing
10/03/2015
Cooperativa Ca’ Magre: custodi della terra
03/03/2015
Biolab
20/02/2015
La qualità risponde
05/02/2015
Un nuovo anno insieme
29/01/2015
Le Terre di Ecor #perunaterrafertile
20/01/2015
La varietà dei semi
14/01/2015
La piramide alimentare
03/01/2015
Viaggio all’origine del cibo
23/12/2014
Goel: fare ciò che si dice e dire ciò che si fa
06/12/2014
La qualità risponde
28/11/2014
I formaggi di Fattoria
21/11/2014
Fattoria di Vaira - Sileno e l’arte del casaro
16/11/2014
Un legame che ci unisce
11/11/2014
L’agricoltura ha tanto da insegnarci: i segreti dell’olio extravergine di oliva
05/11/2014
Triathlon: in armonia con acqua, aria e terra
31/10/2014
A sirene spiegate?
25/10/2014
Watsu: liberare il corpo nell’acqua
20/10/2014
Libero di essere me stesso
15/10/2014
Triballat: pioniere nel biologico
27/09/2014
Caseificio Cansiglio
23/09/2014
Ma quanto mi costi?
16/09/2014
La pianta, tra cielo e terra
10/09/2014
Vincenzo, la terra e la cura
05/09/2014
Per un’estate diversa
28/08/2014
Macché equivalenza…
16/08/2014
Un biologico da favola
09/08/2014
Buon compleanno Allos: 40 anni di bio
02/08/2014
Anguria o cocomero?
28/07/2014
Ortaggi secondo natura
23/07/2014
SCAPPINI
18/07/2014
Liberi di coltivare biologico
12/07/2014
Orti d’estate
05/07/2014
Una stalla con l’anima
29/06/2014
Dalla Natura, rimedi per una pelle sempre in forma
22/06/2014
Il bio è amico delle api
09/06/2014
Alleanze per un nuovo modello agricolo - L’agricoltura salverà il mondo
02/06/2014
LA DIVERSITÀ FA L’UNIONE
27/05/2014
Per una Buona Terra
20/05/2014
CILIEGIE
13/05/2014
Formaggi e ortaggi
07/05/2014
Azienda in trasparenza: San Michele
30/04/2014
L’unione fa la forza
23/04/2014
Il profumo della terra
17/04/2014
È primavera: coloriamo i balconi
13/04/2014
Alcatraz: il paradiso bio dei comici
03/04/2014
Diceva la nonna...
26/03/2014
Isola Bio, gli specialisti del bere vegetale
18/03/2014
Buon latte per uno yogurt di qualità
10/03/2014
Per un’agricoltura libera e indipendente
04/03/2014
Dalla terra alla pentola
23/02/2014
L’ONU BOCCIA GLI OGM
14/02/2014
NOVITÀ PER IL VINO BIODINAMICO DI VAIRA
06/02/2014
''Cavoli a merenda!''
29/01/2014
21^ puntata - ''DAL LATTE AI FORMAGGI''
22/01/2014
20^ puntata - ''CASCINE ORSINE, TERRA BIODINAMICA''
16/01/2014
19^ puntata - ''Viva la terra viva''
07/01/2014
18^ puntata - ''Il cumulo: dalla teoria alla pratica''
23/12/2013
17^ puntata - ''PER UN’ AGRICOLTURA SANA E INDIPENDENTE''
11/12/2013
16^ puntata - ''La zucca''
02/12/2013
15^ puntata - ''IL POMODORO''
22/11/2013
14^ puntata - ''La sfida biodinamica della Di Vaira''
11/11/2013
13^ puntata - ''IL NOSTRO RESPIRO VITALE''
02/11/2013
12^ puntata - ''UNA VITA DA BIO SORELLE''
24/10/2013
11^ puntata - ''LA QUALITÀ RISPONDE''
26/09/2013
10^ puntata - ''Hombre, che parmigiano!''
16/09/2013
9^ puntata - ''ADERISCI AL “PATTO PER LA TERRA''
05/09/2013
8^ puntata - ''Pane amore e fantasia…''
25/08/2013
7^ puntata - ''Latte buono anche nel sapore! ''
15/08/2013
6^ puntata - ''L’impronta del nostro vivere''
06/08/2013
5^ puntata - ''In viaggio con gli alimenti ritrovati''
24/07/2013
4^ puntata - ''Ponte Reale: mozzarella di bufala campana - 2^parte''
07/07/2013
3^ puntata - ''Ponte Reale: mozzarella di bufala campana - 1^parte''
25/06/2013
2^ puntata - ''Aceto di mele''
15/06/2013
1^ puntata - ''Se mangi bio cambi il mondo''