Giramolfetta
 MOLFETTA - lunedì 6 luglio 2020 - Giramolfetta anche su... Facebook You Tube
 
Auto, targa sporca o non leggibile? Multe salatissime

Auto, targa sporca o non leggibile? Multe salatissime


Auto, targa sporca o non leggibile? Multe salatissime

Se si circola con la targa anche solo parzialmente coperta da fango o sporco si rischiano sanzioni che, a seconda dei casi, possono essere pesanti.

Il Codice della strada parla chiaro: circolare con la targa sporca o non leggibile può costare caro. Autoveicoli, motoveicoli e rimorchi devono essere muniti di una targa che ne attesti l’immatricolazione (Art. 100 Codice della Strada) e chiunque circoli con un veicolo sprovvisto di targa rischia una sanzione compresa tra i 85 e 338 euro. Molto peggio va a chi circola con targa non propria o contraffatta, punito ai sensi del codice penale e al pagamento di una sanzione che, a seconda dei casi, va dai 2.004 agli 8.017 euro. Sono in pochi però a sapere che la multa può scattare anche se la targa è sporca, un’eventualità che con pioggia e maltempo rischia, anche per il più accordo dei conducenti, di diventare un pericolo per il portafogli.

Targa sporca o non leggibile? Multe fino a 168 euro

Circolare con la targa sporca o comunque non leggibile, ricordano gli avvocati del quotidiano giuridico StudioCataldi.it, può costare da un minimo di 41 euro a un massimo di 168 euro. A stabilirlo è l’art. 102 del Codice della Strada che nel disciplinare i casi di smarrimento, sottrazione, deterioramento o distruzione della targa, al comma 7 prevede tale sanzione per chi circola con targa non chiaramente o integralmente leggibile. Se per rimediare allo sporco dopo aver percorso strade infangate basta pulire la targa, può però accadere che la targa sia realmente rovinata da sole e intemperie, per cui una semplice pulizia con uno straccio non basta a renderla leggibile. Cosa fare in questi casi?
Se una simile situazione si verifica non si potrà far altro che provvedere a re-immatricolare il veicolo, a meno che non si voglia incorrere in sanzioni.

di V. A.

Fonte: motori.fanpage.it


02/11/2016
Rubrica a cura di ''La pratica''