Giramolfetta
 MOLFETTA - sabato 24 giugno 2017 - Giramolfetta anche su... Facebook You Tube
ULTIME NEWS Europei Under 21: questa sera alle 20:45 l'Italia scende in campo per affrontare la Germania nell'ultima giornata della fase a gironi
LE MASSIME DEL GIORNO
Col tempo e l'esperienza fiorisce la prudenza.
 
L’assemblea di condominio e la proprietà privata o esclusiva

L’assemblea di condominio e la proprietà privata o esclusiva


L’assemblea di condominio e la proprietà privata o esclusiva

La Cassazione del 10.3.2016 n. 4726 ha stabilito che tema di condominio di edifici, i poteri dell'assemblea , (tassativamente fissati dall'art. 1135 cc) e la delibera dell'assemblea, non possono invadere la proprietà (private o esclusive) dei singoli condomini, tranne che tale invasione sia stata accettata, poichè l'autonomia negoziale consente alle parti di stipulare o di accettare convenzioni e regole che, nell'interesse comune, pongano limiti ai diritti dei condomini. In assenza del consenso del singolo proprietario la delibera è nulla.

I compiti e i poteri dell'assemblea di condominio
I compiti o "le attribuzioni" dell'assemblea di condominio sono regolati dall'art. 1135 cc. Rientra nei poteri dell'assemblea la nomina e la revoca dell'amministratore, l'approvazione del preventivo e del rendiconto consuntivo, le decisioni relative alla gestione dei beni condominiali ex art. 1117 cc.

I limiti dei poteri dell'assemblea di condominio
I compiti dell'assemblea rappresentano, contemporaneamente, anche i limiti dei poteri (o della "competenza") dell'assemblea, in altre parole, l'assemblea di condominio non ha poteri fuori dalle gestione dei beni condominiali, (ma anche relativamente alla gestione dei beni condominiali l'assemblea ha dei limiti, infatti, l'assemblea può decidere la manutenzione dell'ascensore, anche tramite la sostituzione di un impianto vecchio con uno nuovo, ma non può decidere sull'eliminazione dell'ascensore, senza sostituzione, poichè si tratta dell'eliminazione di un bene di proprietà del condominio, denominata occultata sotto una denominazione diversa dall'usuale: dismissione di un impianto.

Accesso alle proprietà private
La complessità delle strutture degli edifici condominiali può essere necessario accedere alle proprietà private, se il proprietario non concede l'accesso, l'unica possibilità è quella di essere autorizzati dal giudice ex art. 843 cc (certo, l'amministratore o l'assemblea non possono obbligare il singolo proprietario a far entrare nella proprietà privata).

Opere condominiali da eseguire in proprietà private
La complessità della struttura degli edifici in un condominio può realizzare delle situazioni complesse nelle quali la proprietà del terreno o del locale è privato, ma occorre eseguire delle opere in proprietà privata. Relativamente a questo aspetto occorre distinguere due ipotesi, infatti,
- può capitare che l'assemblea deliberi di riparare le fogne condominiali, le quali passano in un giardino privato (in questa ipotesi ci sarebbe in presenza di una servitù di passaggio).
- può capitare che l'assemblea deliberi di eseguire opere ex novo in una proprietà privata occupando e/o espropriando la stessa proprietà privata (es. la costruzione di un ascensore nel giardino privato di uno dei proprietari).
La prima ipotesi, la delibera è valida, ma occorre avere l'accesso ex art. 843 cc alla proprietà privata per eseguire le opere fognarie, poichè la delibere dell'assemblea di condominio non obbligano il singolo proprietario a concedere l'accesso alla propria proprietà; nella seconda ipotesi la delibera è nulla, avendo l'assemblea assoggettato la proprietà privata ad esigenze condominiali, espropriando, di fatto, la stessa proprietà. Nel condominio di edifici, i poteri dell'assemblea, i quali sono fissati tassativamente dal codice (art. 1135 c.c.), non possono invadere la sfera di proprietà dei singoli condomini, sia in ordine alle cose comuni che a quelle esclusive.

Consenso preventivo o successivo del proprietario
Per evitare procedimenti giudiziari (per l'accesso ex art. 843 cc e/o per di nullità della delibera di assemblea) occorre avere il consenso del singolo proprietario all'invasione della propria proprietà da parte del condominio. Le delibere dell'assemblea condominiale possono invadere la sfera di proprietà dei singoli condomini, sia in ordine alle cose comuni sia a quelle esclusive, soltanto quando una siffatta invasione è stata da loro specificamente accettata o in riferimento ai singoli atti (es. accesso per la riparazione delle fogne e/o costruzione ascensore) o mediante approvazione del regolamento che la preveda, in quanto l'autonomia negoziale consente alle parti di stipulare o di accettare contrattualmente convenzioni che pongano limitazioni ai diritti dei condomini.

Invalidità della delibera che incide sulla proprietà privata o esclusiva
In presenza di una delibera dell'assemblea di condominio che incide su proprietà private occorre valutare come la relativa invalidità può essere rilevata e se l'invalidità può essere rilevata d'ufficio dal giudice oppure se l'invalidità può essere rilevata solo dalla parte interessata. Il problema interessa, ovviamente, la sanzione dell'invalidità (nullità o annullabilità), ma anche il metodo e/o il procedimento con il è possibile chiedere di invalidare la delibera. Infatti, si potrebbe sostenere che se per ottenere una pronuncia giudiziale di invalidità di una delibera condominiale è previsto dall'art. 1137 c.c. l'impugnazione con atto di citazione nel termine perentorio di trenta giorni dalla riunione assembleare (per i presenti), non è possibile ottenere tale effetto con altro strumento giudiziario, di conseguenza se la delibera non viene impugnata nei 30 giorni l'invalidità non potrebbe più essere evidenziata e sanzionata e, di conseguenza, il proprietario, anche se leso dalla delibera, non potrebbe più sottrarsi al contenuto decisorio della delibera, non avendo mai provveduto ad impugnare la delibera e non poteva più impugnarla decorso il termine di legge. Come si è già detto, nel condominio, i poteri dell'assemblea, (fissati tassativamente dal codice art. 1135 c.c.), non possono invadere la sfera di proprietà dei singoli condomini, sia in ordine alle cose comuni che a quelle esclusive, tranne che una siffatta invasione sia stata da loro specificamente accettata in riferimento ai singoli atti o mediante approvazione del regolamento che la preveda, in quanto l'autonomia negoziale consente alle parti di stipulare o di accettare contrattualmente convenzioni che, nell'interesse comune, pongano limiti ai diritti dei condomini. Inoltre, il rimedio dell'impugnazione offerto dall'art 1137 c.c. nei confronti delle deliberazioni assembleari condominiali – e la disciplina relativa, anche in ordine alla decadenza – riguarda unicamente le deliberazioni annullabili e non quelle nulle. Infine, il rilievo ex officio di una nullità negoziale – sotto qualsiasi profilo ed anche ove sia configurabile una nullità speciale o "di protezione" – deve ritenersi consentito, semprechè la pretesa azionata non venga rigettata in base ad una individuata "ragione più liquida", in tutte le ipotesi di impugnativa negoziale; ed, inoltre, che nel giudizio di appello ed in quello di cassazione, il giudice, in caso di mancata rilevazione officiosa, in primo grado, di una nullità contrattuale, ha sempre facoltà di procedere ad un siffatto rilievo. Naturalmente, il potere del giudice di rilevare d'ufficio la nullità di un negozio giuridico non comporta il suo dovere di indagare circa tutte le possibili cause di nullità del negozio di cui si discuta nel processo, ma opera soltanto nei limiti in cui la nullità già emerga in modo certo dagli atti processuali.

di Paolo Giuliano

fonte: fanpage


28/02/2017
L'angolo del condominio a cura di Saverio Piergiovanni
24/05/2017
Rettifica modifica revisione delle tabelle dei millesimi
28/02/2017
L’assemblea di condominio e la proprietà privata o esclusiva
19/01/2017
L’uso del suolo condominiale sul quale è costruito l’edificio
02/12/2016
Assemblea di condominio nulla e decreto ingiuntivo
16/10/2016
La lite contro il condominio e i poteri del singolo proprietario
09/09/2016
Anche una cantina può essere un bene condominiale
03/08/2016
La separazione, il divorzio e le spese del condominio
21/06/2016
I beni condominiali (1117 cc) e la ripartizione delle spese (1123 cc)
09/05/2016
La partecipazione all’assemblea di condominio e l’apparenza di diritto
01/04/2016
Condominio minimo e spese urgenti
26/02/2016
Le parti private o condominiali dei balconi e i danni
12/12/2015
Le differenze tra un consorzio immobiliare e il condominio (supercondominio)
29/07/2015
Condominio: per il risarcimento del danno c’è solidarietà tra i proprietari
10/07/2015
Le innovazioni vietate dell’unità immobiliare privata nel condominio ex art. 1122 cc
21/06/2015
La competenza territoriale nelle cause tra condomini ex art. 23 cpc
05/06/2015
Agevolazioni edilizie: nuovi lavori e prosecuzione dei lavori precedenti
27/05/2015
Tabelle dei millesimi del condominio approvate con un accordo tacito
13/05/2015
L’amministratore giudiziario del condominio dopo la riforma
01/05/2015
Il risarcimento del danno per equivalente o in forma specifica nell’appalto
10/04/2015
L’ambito di applicazione dell’art. 63 dip. att. c.c.
01/04/2015
Il condominio parziale e i beni condominiali ex art. 1117 c.c.
23/03/2015
Le agevolazioni fiscali e tributarie per il risparmio energetico 2015
14/03/2015
Le agevolazioni fiscali e tributarie per le ristrutturazioni edilizie 2015
08/03/2015
La locazione commerciale, abitativa e il pagamento degli oneri condominiali
27/02/2015
L’identificazione del debitore degli oneri condominiali
25/02/2015
L’identificazione del debitore degli oneri condominiali
18/02/2015
La vendita dei posti auto separatamente dall’appartamento
11/02/2015
La corretta gestione di un supercondominio
04/02/2015
Il lastrico solare e il risarcimento del danno
25/01/2015
L’azione di rivendica e l’amministratore di condominio
18/01/2015
Semplificazioni fiscali: Decreto Legislativo del 21 novembre 2014 n. 175
13/01/2015
Il decreto ingiuntivo per il recupero delle spese nel condominio e nel supercondominio
28/12/2014
Le spese legali per il recupero degli oneri condominiali dei proprietari morosi
18/12/2014
La ripartizione delle spese dell’acqua nel condominio
12/12/2014
Riscaldamento: un «grado in più» costa il 7% sulla bolletta. Ecco i consigli per risparmiare
27/10/2014
La ripartizione delle spese condominiali: i principi generali indicati dall’art. 1123 c.c.
22/10/2014
L’opponibilità ai terzi dei limiti alla proprietà del regolamento condominiale
16/10/2014
Debutta la «carta d’identità» degli impianti di riscaldamento e condizionamento: obbligo dalla prima verifica
03/10/2014
La formazione e l’aggiornamento degli amministratori di condominio
25/09/2014
I poteri e i limiti dell’amministratore di condominio
20/09/2014
Valvole termostatiche obbligatorie? Non sempre sono sinonimo di risparmio
14/09/2014
Condomini energivori: con la riqualificazione la bolletta si taglia di un terzo
09/09/2014
I nuovi ascensori abbattono i consumi elettrici, ma è la frequenza di utilizzo a fare la differenza
04/09/2014
Valvole termostatiche, un grado in meno in casa porta ad un risparmio del 7% annuo
27/08/2014
Blindata e connessa, così la casa è più protetta contro il pericolo furti
21/08/2014
Condominio, ecco il vademecum per prendere le decisioni in agosto
15/08/2014
Valvole termostatiche, un grado in meno in casa porta ad un risparmio del 7% annuo
09/08/2014
L'amministratore di condominio va in vacanza. Ecco i suoi obblighi
04/08/2014
L’obbligo di riscossione degli oneri condominiali a carico dell’amministratore
29/07/2014
Condominio, ecco come difendersi da chi non paga le rate
24/07/2014
Le conseguenze prodotte dalla mancata attivazione di un supercondominio
19/07/2014
I nuovi ascensori abbattono i consumi elettrici, ma è la frequenza di utilizzo a fare la differenza
13/07/2014
Le modalità di pagamento delle quote e delle spese condominiali
07/07/2014
La privacy nel condominio
01/07/2014
L’invalidità del regolamento contrattuale di condominio
23/06/2014
La delibera condominiale per le spese a carico solo di alcuni proprietari
16/06/2014
Affitti, aggiornata la ripartizione delle spese tra proprietari e inquilini
10/06/2014
Le spese per i lavori edilizi non incidono sul bonus mobili
03/06/2014
PARTI COMUNI: 50% CON CODICE FISCALE
28/05/2014
La delibera condominiale per le spese a carico solo di alcuni proprietari
21/05/2014
IL PARCHEGGIO PERTINENZIALE NON SEMPRE È CEDIBILE DA SOLO
15/05/2014
Affitti, tra proprietari e inquilini nuova ripartizione di spese
09/05/2014
Supercondominio al voto: la guida completa
02/05/2014
La formazione e l’accesso al registro anagrafe condominiale e al conto corrente del condominio
26/04/2014
La mediazione obbligatoria nel condominio
18/04/2014
Condominio: Assemblea, regia sempre al presidente
11/04/2014
Condominio, gli amministratori devono andare a scuola
08/04/2014
Amministratori di condominio: sospesa la nomina in assenza di polizza professionale
02/04/2014
Bonus mobili: doppia limitazione su detrazioni elettrodomestici efficienti
21/03/2014
Sul lusso gravano IMU e IRPEF
13/03/2014
Case, nel 2013 vendite giù del 9%
05/03/2014
Ecobonus: proroga del 65% a tutto il 2014 (e nel 2015 si scende al 50%)
26/02/2014
Box e parcheggi, arrivano le detrazioni per costruirli e acquistarli
19/02/2014
Con l'ecobonus «extralarge» l'efficienza taglia la bolletta
10/02/2014
RISPARMIO ENERGETICO: per i lavori in condominio a rischio la maggioranza semplice
31/01/2014
25^ puntata - ''Nel penale il condominio deve essere parte civile''
26/01/2014
24^ puntata - ''FISCO, CONTANTI E CONTRATTI NUOVE REGOLE PER LE LOCAZIONI''
19/01/2014
23^ puntata - ''L’INTERAZIONE TRA IMPIANTI PRIVATI E PARTI COMUNI ALLA LUCE DEI CAMBIAMENTI DELLA RIFORMA - 1^ PARTE''
14/01/2014
22^ puntata - ''NON SERVE IL DURC PER GLI APPALTI''
05/01/2014
21^ puntata - ''Dalla contabilità alle nuove regole dell'assemblea: la riforma del condominio alla prova dei primi sei mesi''
01/01/2014
20^ puntata - ''Scarico a tetto e a parete: novità dal 1 settembre 2013''
11/12/2013
19^ puntata - ''Benefici fiscali prima casa solo con prova certa di residenza''
01/12/2013
18^ puntata - ''Distacco da riscaldamento centralizzato: dal 18 giugno 2013 in vigore nuova disciplina condominio ''
24/11/2013
17^ puntata - ''L'«AGGIO» CERCA ANCORA LA RIDUZIONE ''
18/11/2013
16^ puntata - ''Prima casa, niente pignoramento ma rimane il rischio dell'ipoteca''
09/11/2013
15^ puntata - ''Risparmi in condominio: sì ai voucher Inps per piccoli servizi''
30/10/2013
14^ puntata - ''Il riscaldamento non si taglia''
21/10/2013
13^ puntata - ''Dubbi sui poteri dell’amministratore''
08/10/2013
12^ puntata - ''Amministratore e sanzioni''
15/09/2013
11^ puntata - ''Nuove multe condominiali''
04/09/2013
10^ puntata - ''Le novità più importanti della riforma del condominio''
23/08/2013
9^ puntata - ''Nuove norme sul condominio: la tabella delle novità''
12/08/2013
8^ puntata - ''Nuove norme sul condominio: ecco cosa è cambiato dal 18 giugno''
02/08/2013
7^ puntata - ''Quando la polizza protegge dagli inquilini morosi''
21/07/2013
6^ puntata - ''Condomini, bonus sulle parti comuni''
01/07/2013
5^ puntata - ''Assemblee, maggioranze e conto delle rate. Ecco cinque regole del nuovo condominio''
19/06/2013
4^ puntata - ''Riforma del condominio: animali domestici permessi''
02/06/2013
3^ puntata - ''Nuovi compiti per l'amministratore. La riforma e le nuove regole che entreranno in vigore dal 18 Giugno - 1^parte''
08/04/2013
''La riforma del condominio - La nuova figura dell'amministratore'' - 1^ parte
22/03/2013
1° app. con la nuova rubrica ''L'angolo del condominio'' a cura del geom. Saverio Piergiovanni: ''Presentazione''