Giramolfetta
 MOLFETTA - sabato 25 novembre 2017 - Giramolfetta anche su... Facebook You Tube
ULTIME NEWS Nazionale Italiana calcio: questa sera alle 20:45 Albania-Italia - Nazionale Italiana: la partita di qualificazioni ai mondiali 2018 tra Italia-Macedonia è terminata 1-1, grazie ai gol di Chiellini e di Trajkovski. Si complica così la corsa degli azzurri per un posto agli spareggi mondiali
LE MASSIME DEL GIORNO
Col tempo e l'esperienza fiorisce la prudenza.
 
Calano le dichiarazioni e il gettito Iva in Puglia

Calano le dichiarazioni e il gettito Iva in Puglia


Calano le dichiarazioni e il gettito Iva in Puglia

Calano le dichiarazioni e il gettito Iva in Puglia. E’ quanto emerge dalla quinta indagine sull’imposta sul valore aggiunto, realizzata dal Centro Studi di Confartigianato Imprese Puglia su dati del Dipartimento delle Finanze.
In particolare, l’anno scorso, in Puglia, sono state presentante, per via telematica, 328.549 dichiarazioni Iva da parte di lavoratori autonomi, ditte individuali e società pugliesi. Rispetto all’anno precedente sono state 7.499 in meno, pari ad una flessione del 2,2 per cento (nel 2014 erano 336.048). Rappresentano il 6,41 per cento del totale delle dichiarazioni Iva in Italia (5.125.808).
Il volume d’affari dichiarato è salito del 3,4 per cento ovvero di 2,6 milioni: da 75 miliardi a 77,6. Il totale degli acquisti e, in piccola parte, delle importazioni è di ben 60 miliardi (dato medio 205mila euro), in aumento del 2,7 per cento rispetto all’anno precedente (58,5 miliardi).
La somma dei versamenti periodici, degli acconti e del saldo fornisce l’ammontare dei versamenti totali che si attesta poco al di sotto dei 2,3 miliardi, con una media di 11.739 euro.
Il valore aggiunto fiscale si aggira attorno ai 17 miliardi e mezzo. L’imposta dovuta ha raggiunto i 2,3 miliardi; mentre quella a credito (quando la differenza tra Iva a debito e Iva detraibile risulta negativa) si è fermata a 839 milioni. Il totale dell’Iva dovuta è di quasi 515 milioni; mentre quella a credito è di un miliardo 468 milioni.
Sono stati richiesti a rimborso 184 milioni, in rialzo del 38,6 per cento, rispetto all’anno precedente (132,9 milioni). La richiesta è pervenuta da 2.283 contribuenti, per una media di quasi 81mila euro.
Cresce il «credito utilizzato in compensazione nel modello F24» (cosiddetta compensazione orizzontale) che ammonta a un miliardo 339 milioni.
L’imposta sul valore aggiunto (Iva) nasce in Italia nel 1973: l’aliquota ordinaria è fissata al 12 per cento. Quattro anni dopo, nel 1977, è elevata al 14 per cento. Tre anni più tardi, nel 1980, è portata al 15 per cento e nel 1982 balza al 18 per cento. Dopo sei anni di stabilità, nel 1988, è innalzata al 19 per cento e il 1° ottobre del 1997 si arriva al 20 per cento. Il 17 settembre 2011, dopo circa 14 anni, l’aliquota ordinaria è incrementata di un altro punto (21 per cento). Oggi si attesta al 22 per cento.

«Il consueto monitoraggio elaborato dal nostro Centro Studi regionale – commenta Francesco Sgherza, presidente di Confartigianato Imprese Puglia – ci consegna un quadro che si presta ad una serie di valutazioni.
Il calo del numero delle dichiarazioni è, senza alcun dubbio, in parte attribuibile alle cessazioni di impresa dovute alle ripercussioni della crisi. Tuttavia non possiamo non considerare che l’attuale normativa fiscale prevede la possibilità di usufruire dei c.d. regimi di maggior favore. Non di rado le nuove imprese fanno in modo di mantenere caratteristiche che consentano loro di operare in un regime di franchigia dell’IVA: ciò le esonera da buona parte degli adempimenti connessi a questa imposta, tra cui, per l’appunto, l’obbligo di presentare la dichiarazione.
Un elemento interessante – continua Sgherza – è che, a fronte del calo delle dichiarazioni, il volume d’affari risulta comunque incrementato. Ciò induce a pensare che, nonostante tutto, il tessuto produttivo pugliese, inteso come l’insieme di imprese, lavoratori autonomi, ditte individuali e società continua ad avere una certa vitalità.
C’è tuttavia ancora molto da fare sul fronte della pressione fiscale. Alcuni provvedimenti adottati dall’Esecutivo sono andati nella giusta direzione, ma non è ancora abbastanza per riallinearci con l’Europa. Prova ne sia che, nel 2017, il c.d. spread fiscale tra l’Italia e l’Eurozona ammonta ancora a ben 1,3 punti di PIL, pari a 350 euro per abitante.
Insomma – ha concluso il Presidente – la strada è segnata ed abbiamo riscontri fattuali che sia quella giusta, ma occorre perseverare: ciò nella consapevolezza che la riduzione delle imposte è un elemento ineluttabile per dare maggiore impulso alla crescita dell’economia italiana e pugliese».

GLOSSARIO

- Base imponibile: insieme delle operazioni che producono imposta, includendo anche quelle che la normativa 633/72 rende in parte (pro rata) o totalmente non detraibili (reverse charge).

- Credito da utilizzare in compensazione nell’anno successivo: importo del credito non richiesto a rimborso e riportato all’anno successivo per essere utilizzato in compensazione sul modello F24 e/o in detrazione dell’Iva dovuta.

- Imposta dovuta: ammontare dell’imposta che risulta a debito, avendo ottenuto un importo positivo dalla differenza tra l’imposta da versare e l’imposta portata in detrazione.

- Imposta a credito: ammontare dell’imposta che risulta a credito, avendo ottenuto un importo negativo dalla differenza tra l’imposta da versare e l’imposta portata in detrazione.

- Iva di competenza: ammontare complessivo dell’imposta addebitata a titolo di rivalsa sulle operazioni imponibili e dell’imposta relativa ad auto-fatturazioni cui viene detratto l’importo relativo all’imposta assolta e ammessa in detrazione.

- Totale acquisti e importazioni: somma di tutti gli acquisti e di tutte le importazioni effettuate nell’anno, tenendo conto delle eventuali variazioni in diminuzione.

- Totale Iva dovuta: totale dell’imposta che risulta a debito, avendo ottenuto un importo positivo dalla differenza tra gli importi a debito con quelli a credito a cui vanno scomputati gli eventuali crediti di “particolari categorie di contribuenti” e quelli ricevuti da “società di gestione del risparmio” e sommati gli “interessi dovuti in sede di dichiarazione annuale”.

- Totale Iva a credito: totale dell’imposta che risulta a credito, avendo ottenuto un importo negativo dalla differenza tra gli importi a debito con quelli a credito a cui vanno scomputati gli eventuali crediti ricevuti da “società di gestione del risparmio”.

- Totale rimborsi richiesti: ammontare dei rimborsi infrannuali e gli importi chiesti a rimborso in sede di dichiarazione annuale.

- Totale versamenti effettuati: somma delle diverse tipologie di versamenti: i periodici (mensili o trimestrali) compreso l’acconto, gli interessi trimestrali e l’imposta a seguito di ravvedimento operoso, gli integrativi d’imposta (relativi agli anni precedenti) e l’annuale che coincide con l’importo del “Totale Iva dovuta”.

- Valore aggiunto fiscale: differenza tra il volume d’affari dichiarato e l’ammontare complessivo degli acquisti effettuati.

- Volume d’affari: ammontare complessivo delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi effettuate, registrate o soggette a registrazione con riferimento a un anno solare, tenendo conto delle eventuali variazioni in diminuzione. Non concorrono a formare il volume d’affari le operazioni effettuate in anni precedenti ma con imposta esigibile nel 2010, le cessioni di beni ammortizzabili e i passaggi interni tra attività tenute con contabilità separata (vengono presi con il segno meno).



07/09/2017
Notiziario informativo a cura della Confartigianato Imprese Puglia
07/09/2017
Calano le dichiarazioni e il gettito Iva in Puglia
17/08/2017
Migliora l’occupazione in Puglia
26/07/2017
Puglia a più velocità sul fronte dell’efficienza dei servizi pubblici resi dai Comuni ai cittadini
09/07/2017
Tremila euro alle neo mamme. L’Ebap sostiene le imprenditrici artigiane
18/06/2017
Aiuti alle imprese colpite dal maltempo
31/05/2017
Si ribalta la bilancia commerciale con la Grecia
07/05/2017
Contributi, a fondo perduto, per l’internazionalizzazione delle imprese artigiane della Puglia
24/04/2017
Legge di stabilità 2017
10/04/2017
I pugliesi spendono di più per mangiare, bere e vestirsi. Ma di meno per la casa, i trasporti, l’istruzione e la cultura
25/03/2017
Trump presidente, opportunità e rischi per le esportazioni pugliesi. Ecco quanto vale il made in Puglia verso le superpotenze USA e Russia
07/03/2017
Via libera al catasto energetico regionale
08/02/2017
Sono ben 13.147 le imprese artigiane in Puglia che operano nei settori della riparazione, manutenzione, riciclo e recupero dei materiali
24/01/2017
«Bene l’introduzione dell’Iri, ma sulle tasse occorre un taglio più drastico». In Puglia si contano 34.691 società di persone e 143.051 imprenditor
03/01/2017
Incentivi all’assunzione nelle imprese artigiane
24/12/2016
Sempre più pugliesi sfruttano le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico
28/11/2016
Aumentano i furti nelle botteghe e nei negozi
13/11/2016
Contributi per l’acquisto dei testi scolastici a favore dei figli dei dipendenti di aziende artigiane
24/10/2016
Puglia: oltre 158.000 gli edifici residenziali vecchi ed in cattive condizioni
10/10/2016
Un contributo per l’aggiornamento professionale degli imprenditori artigiani pugliesi
24/09/2016
Anche secondo l’ultimo rapporto Svimez il Mezzogiorno cresce, ma la Puglia resta indietro
10/09/2016
Caos Turchia, i rischi per le esportazioni manifatturiere pugliesi
24/08/2016
Artigiani e pmi, al via il fondo di solidarietà bilaterale
09/08/2016
Mestieri d'Arte - Nuova mostra dell'artigianato- FDL Settembre 2016
26/07/2016
Contributi per la sicurezza nei luoghi di lavoro
30/06/2016
Brexit, i rischi per le esportazioni pugliesi. Ecco quanto vale il made in Puglia nel mercato britannico
29/05/2016
Cresce senza sosta l’utilizzo dei voucher. Venduti un milione e mezzo di buoni lavoro nel primo trimestre
19/03/2016
Cresce l’occupazione in Puglia. Il saldo tra assunzioni e cessazioni è positivo di 31.545 unità
30/01/2016
Irap, ogni azienda pugliese paga 3.171 euro in media. Il valore della produzione ammonta a 16,8 miliardi
23/01/2016
30/12/2015
Le imprese dell’artigianato alimentare resistono alla crisi. La Puglia conta 249 prodotti agroalimentari tradizionali
20/12/2015
Aumenta il credito al consumo concesso dalle banche. L’indebitamento dei pugliesi supera i 6,8 miliardi di euro
13/12/2015
Le aziende di Bari e di Brindisi «salvano» l’export verso la Cina
29/11/2015
Effetto Jobs act in Puglia. Aumentano le assunzioni a tempo indeterminato (15,8%), ma meno della metà rispetto alla media nazionale (34,4%)
21/11/2015
Donne sull’orlo di una crisi di … welfare. In Puglia diminuiscono le imprenditrici e le lavoratrici autonome
15/11/2015
Legge di stabilità 2016: Risparmio di 153,3 milioni di euro con le principali nove misure a favore delle MPI della Puglia
08/11/2015
Boom del lavoro accessorio in Puglia Cresce l’utilizzo dei buoni lavoro (o voucher)
04/11/2015
Allarme carni lavorate: Confartigianato: «La qualità dei prodotti e un’alimentazione equilibrata rappresentano le migliori garanzie per la salute»
23/10/2015
Aumentano i negozi e gli opifici ma diminuiscono i laboratori per arti e mestieri in Puglia. Immobiliare/Ecco tutti i dati sui fabbricati produttivi
22/10/2015
Un risparmio di circa 60 milioni di euro per il taglio dell’imposta sul reddito delle società (Ires). Ecco quanto risparmierebbero le imprese pugliesi con la misura contenuta nella Legge di Stabilità 2016
10/10/2015
La «rivoluzione digitale» incentiva la nascita di piccole e medie imprese.
30/09/2015
Le aziende pugliesi spendono in media ben 11.252 euro all’anno per le sole principali imposte locali
23/09/2015
Il manifatturiero pugliese non vede ancora la ripresa
19/09/2015
La 61ª Giornata dell’Artigianato in Fiera del Levante
15/09/2015
Borse di studio e contributi per l’acquisto dei testi scolastici a favore dei figli dei dipendenti di aziende artigiane
01/09/2015
«Accelerano» le commissioni tributarie provinciali della Puglia. I ricorsi pendenti scendono da 33.337 a 26.206. Aumentano quelli pendenti presso la commissione regionale
26/08/2015
Aumentano i consumi di energia elettrica in Puglia. Molta di quella prodotta, però, risulta in eccedenza
06/08/2015
Lieve incremento delle ditte artigiane in Puglia. Imprese/Tutti i dati sulla nati-mortalità delle aziende
05/08/2015
Esplode fabbrica di fuochi d’artificio. l’Ebap versa tremila euro circa a ciascun dipendente
21/07/2015
Crolla l’export pugliese verso la Grecia. Export/ Per la prima volta, importiamo più di quanto esportiamo
13/07/2015
Aumentano i mutui per l’acquisto di una casa. Mercato immobiliare in ripresa
03/07/2015
Segnali di ripresa: aumentano gli autocarri per il trasporto delle merci in Puglia
01/07/2015
Diminuiscono le dichiarazioni e il gettito Iva in Puglia
23/06/2015
Calano ancora i ricavi delle imprese pugliesi. Il dato medio sugli incassi scende del 5,5 per cento
10/06/2015
Tassazione nei Comuni della Puglia, un miliardo e mezzo di euro dall’Imposta unica comunale (IUC): IMU + TASI + TARI
05/06/2015
Riparte il mercato immobiliare non residenziale. Aumentano le compravendite nei settori terziario e commerciale. Arretra solo il comparto produttivo
27/05/2015
Mercato immobiliare, ripresa anche in Puglia. Le compravendite sono aumentate del 4,4 per cento
08/05/2015
Aggiornamento sull’artigianato manifatturiero - In ritardo la ripresa per il manifatturiero pugliese.
30/04/2015
Mercato del lavoro, segnali di una timida ripresa. Cala, infatti, il tasso di inattività (dal 47% al 45,6%)
16/04/2015
Segnali positivi per l’edilizia. Oltre 273mila pugliesi hanno fruito delle agevolazioni fiscali
14/04/2015
Diminuiscono i contribuenti pugliesi (2.577.466). Ma aumentano i redditi dichiarati (39,6 miliardi)
30/03/2015
Continua a calare l’occupazione in Puglia. Il tasso è sceso al 41,8 per cento
24/03/2015
Energie rinnovabili: la Puglia continua a crescere,ma senza benefici tangibili per le bollette
18/03/2015
Rallenta la caduta del manifatturiero pugliese. Nell’ultimo anno «perse» 466 attività, per una flessione del 2,7%
10/03/2015
La disoccupazione continua a galoppare. In Puglia, ci sono 340mila persone senza lavoro
24/02/2015
Dieci miliardi di euro dai pugliesi per pagare Irpef, Iva, Irap e Ires
22/02/2015
La crisi in Libia: i rischi per le esportazioni pugliesi. Ecco quanto vale il made in Puglia nel mercato libico
19/02/2015
Cresce la voglia di mettersi in proprio (condizionati dalla crisi economica)
11/02/2015
Diminuiscono le imprese artigiane in Puglia
03/02/2015
Una convenzione tra Inps ed Ebap per garantire il reddito ai dipendenti sospesi di aziende artigiane
01/02/2015
I prodotti pugliesi in vetrina all’Expo di Milano
28/01/2015
Ires, le imprese pugliesi versano mezzo miliardo. Il reddito medio d’impresa è di 68mila euro
27/01/2015
Sanzioni alle aziende artigiane che non aderiscono all’Ebap
22/01/2015
Irap, ogni azienda pugliese paga 3.118 euro in media. Il valore della produzione netta ammonta a 16,8 miliardi
13/01/2015
La crisi non ferma l'ingegno dei pugliesi. Nel 2014 depositate circa 2mila domande per tutelare marchi e brevetti
22/12/2014
L’artigianato alimentare resiste alla crisi. Anzi, cresce in controtendenza rispetto agli altri settori
17/12/2014
Smart city, la Puglia guarda al futuro. Aumentano le imprese che puntano tutto sull’innovazione
13/12/2014
«Quale futuro per l’autotrasporto?» Assemblea pubblica regionale, sabato 13 dicembre, a Bari
05/12/2014
Procedono troppo a rilento le operazioni di pagamento dei debiti degli enti locali pugliesi verso le imprese fornitrici di beni e servizi
29/11/2014
Cresce, in Puglia, il lavoro accessorio. Aumenta l’utilizzo dei buoni lavoro (o voucher)
20/11/2014
Ecco le imprese pugliesi più esposte alla concorrenza sleale del sommerso
18/11/2014
Mille euro ai neo genitori artigiani. L’Ebap sostiene le famiglie dei dipendenti di aziende artigiane fino ad esaurimento dei fondi
12/11/2014
La crisi in Ucraina: i rischi per le esportazioni manifatturiere. Ecco quanto vale il made in Puglia nel mercato russo
06/11/2014
Credito, crollano i finanziamenti alle imprese pugliesi La flessione è di oltre un miliardo di euro nell’ultimo anno
23/10/2014
Centomila le donne pugliesi che si sono messe in proprio
08/10/2014
Borse di studio ai figli dei titolari e dei dipendenti di aziende artigiane
01/10/2014
Continuano i percorsi formativi sui processi di internazionalizzazione delle imprese
20/09/2014
Strategie di lungo periodo per superare la fase di recessione»
16/09/2014
Borse di studio e contributi per l’acquisto dei testi scolastici a favore dei figli dei dipendenti di aziende artigiane
11/09/2014
L’economia pugliese non riparte. Anzi, procede a retromarcia. Circolano sempre meno veicoli commerciali ed industriali
30/08/2014
Diminuiscono ancora i consumi di energia elettrica in Puglia. L’86,9 per cento risulta in eccedenza rispetto al fabbisogno
17/07/2014
Diminuiscono i ricavi delle imprese pugliesi. Il dato medio sugli incassi scende dell’11,2 per cento
20/06/2014
Sono più di 33mila i ricorsi ancora pendenti nelle commissioni tributarie provinciali della Puglia. Oltre 9mila le controversie in commissione regionale
05/06/2014
Il gettito Iva in Puglia ammonta a 2 miliardi 284 milioni
23/05/2014
Un contributo di mille euro per i neo genitori. L’Ebap sostiene le famiglie dei dipendenti di aziende artigiane
14/05/2014
Il Welfare Contrattuale e il ruolo della Bilateralità Artigiana - Lunedi’ 19 Maggio 2014 ore 9,00 - 13,30 Hotel Majesty - BARI
08/05/2014
Contributi per la sicurezza nei luoghi di lavoro
02/05/2014
Diminuiscono le imprese artigiane in Puglia
28/04/2014
Un sostegno al reddito in caso di sospensione dell’attività lavorativa per la crisi
03/04/2014
Aumentano i contribuenti pugliesi. Ma diminuiscono i redditi dichiarati (39 miliardi)
31/03/2014
Sottoscritto il Contratto Collettivo Regionale Area Alimentazione – Panificazione Pugliese
28/03/2014
Borse di studio ai figli dei titolari e dei dipendenti di imprese artigiane
15/03/2014
Irap, lo sgravio medio per le imprese pugliesi è di appena 335 euro all'anno
27/02/2014
Aumentano le partite Iva nelle province di Bari e Bat
21/02/2014
1° monitoraggio dei pagamenti dei debiti della P.A. in Puglia
07/02/2014
Prima indagine sulle dichiarazioni Irap in Puglia: ogni impresa pugliese paga, in media, 3.351 euro
31/01/2014
11^ puntata - ''Una convenzione tra l’Inps e l’Ebap per risparmiare sui costi di gestione ed erogare la disoccupazione ai lavoratori''
24/01/2014
10^ puntata - ''Ecco le priorità per il 2014''
10/01/2014
9^ puntata - ''Finanziamenti, a fondo perduto, per salvaguardare la salute e garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro''
15/12/2013
8^ puntata - ''Carrozzerie a rischio chiusura(non per la crisi economica)''
05/12/2013
7^ puntata - ''Cala il credito al consumo concesso dalle banche. Ma l’indebitamento dei pugliesi resta sopra i 7 mld di euro''
23/11/2013
6^ puntata - ''Artigianato, ecco le prestazioni a favore di dipendenti ed aziende''
16/11/2013
5^ puntata - ''Oltre 229mila gli immobili a destinazione commerciale e produttiva in Puglia''
12/11/2013
4^ puntata - ''Artigianato, ecco le prestazioni a favore di dipendenti ed aziende''
31/10/2013
3^ puntata - ''Diminuiscono i ricavi delle imprese pugliesi''
17/10/2013
2^ puntata - ''Diminuiscono i consumi di energia elettrica ma se ne produce sempre di più (37.611,9 gigawatt). Il fabbisogno in Puglia è di 20.501 gigawatt. Così l’83,5 per cento risulta in eccedenza''
05/10/2013
1^ puntata - ''Prima indagine sul settore delle compravendite residenziali in Puglia''