Giramolfetta
 MOLFETTA - lunedì 15 aprile 2024 - Giramolfetta anche su... Facebook You Tube
 
2° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini

2° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini


Carissimi, riprendendo il nostro, mi auguro interessante incontro, vorrei ricordare
che quando si parla di “Arbitro” ci si riferisce sia all’uomo che alla donna in quanto
sin dalla fine degli anni ottanta il regolamento dell’A.I.A. (Associazione Italiana
Arbitri) Settore Arbitrale della F.I.G.C. fu modificato e fu consentito anche alle donne
di accedere alla funzione arbitrale. Anche in questo la Sezione A.I.A. “Paolo Poli” di
Molfetta fu fra le prime, se non la prima in assoluto a portare delle giovanissime
donne sul terreno di giuoco a cimentarsi nella funzione arbitrale.
Continuando a sviluppare il tema delle qualità umane necessarie per svolgere
l’attività arbitrale, ancora una volta mi aggancio al concetto espresso da Don Tonino:
“solo chi sa giudicare sè stesso……….”
Ebbene, questa capacità è evidente non è una qualità innata, ma frutto di un
processo educativo da coltivare e sviluppare.
E’ fondamentale che il giovane arbitro prenda coscienza che per poter “giudicare” è
necessario “conoscere” ciò che è soggetto ad un giudizio, altrimenti sarebbe
arbitrio, per cui è fondamentale conoscere non solo nelle linee fondamentali ma nei
principi ispiratori ciò che s’intende giudicare ( un comportamento,un brano di un
autore, il risultato di un lavoro ecc..) financo il regolamento del giuoco calcio.
Avere capacità di autocritica ogni qual volta si rileva una incertezza nella valutazione
di un “fatto di giuoco”,e da ciò trarne lo spunto per un ulteriore approfondimento
attraverso la “ricerca” del perchè si è valutato in modo approssimativo un “fatto di
giuoco”, quindi trarre insegnamento dall’errore commesso e maturare sia come
arbitro che come uomo (esperienza). Non a caso il giovane arbitro matura, si dice,
arbitrando. Questa capacità di esame di coscienza deve essere un modo di “essere”
per realizzare il processo di crescita umana (rapporti con la famiglia, con lo studio,
con il lavoro, con la società) ed arbitrale.
Questa “maturità” offre serenità di giudizio, certezza del proprio “operato”,
tempestività di intervento, inamovibilità dallo stesso.
Nel caso in cui ci si rende conto dell’eventuale “errore” se il giuoco (interrotto per
l’intervento errato) non è stato ripreso si può modificare la decisione, se invece il
ravvedimento è tardivo non si deve assolutamente tener conto (compensazione).
Quest’ultimo comportamento sarebbe molto grave (colpa).
La gravità scaturisce da una errata concezione del ruolo (giudice imparziale fedele
esecutore dei dettami regolamentari) in quanto il “potere” concesso dal
regolamento non deve essere inteso come potere “personale” ma potere del ruolo.
Infatti, nel casi di “errore” questo esula dalla colpevolezza del soggetto perchè non
“volontario”; nel caso “compensazione” si richiede una partecipazione consapevole
nella decisione del tutto non regolamentare il che inevitabilmente è per sua natura
ingiusta frutto di un potere “dispotico” privo di consenso, quindi “illegittima”.
Un altro elemento indispensabile al fine di un corretto intervento valutativo è dato
dalla serenità d’animo,( intendo la mancanza di qualsiasi passionalità amico
calciatore, squadra “simpatica”, ecco…) e qualsiasi altro elemento di turbativa di
natura psicologica quale può essere: disagio scolastico, familiare, di carattere
affettivo, ecc…, questo perchè quello che “vediamo” è filtrato dalla nostra “psiche”
o intelletto che non essendo sereno ci fa recepire i fatti in modo non del tutto
Equilibrato” per cui gli interventi spesso non risultano “coerenti” con quanto
avvenuto, quindi errati, tradendo con ciò lo scopo e la finalità dell’operato arbitrale.
Nel nostro prossimo incontro Vi parlerò del rapporto Arbitro/Calciatore.
Grazie per l'attenzione e arrivederci al prossimo appuntamento.


26/12/2012
L'arbitro e il mondo del calcio a cura del prof. Mauro Minervini
04/10/2014
Nuova stagione agonistica 2014/2015
07/08/2014
INCONTRO CONVIVIALE PER FESTEGGIARE LA CONCLUSIONE DELLA STAGIONE SPORTIVA 2013/2014
24/06/2014
NICOLA DI RAFFAELE
04/04/2014
UNA SERATA FELICE
01/04/2014
LA SEZIONE AIA MOLFETTA RICORDA IL COLLEGA MAURO ZAZA
06/03/2014
ASPETTO DISCIPLINARE
17/02/2014
APPLICAZIONE DELLE REGOLE DI GIOCO
04/02/2014
27^ puntata - ''RAPPORTO DI GARA DELL’OSSERVATORE ARBITRALE''
26/01/2014
26^ puntata - ''RELAZIONE DELL’OSSERVATORE ARBITRALE''
14/01/2014
25^ puntata - ''L’osservatore arbitrale''
24/12/2013
24^ puntata - ''IL RAPPORTO DI GARA''
07/12/2013
23^ puntata - ''La protezione del calciatore contuso''
04/12/2013
22^ puntata - ''Come comunica l’Arbitro le Sue decisioni?''
22/11/2013
21^ puntata - ''Vantaggio''
16/11/2013
20^ puntata - ''Discrezionalità dell’arbitro - parte 2''
03/11/2013
19^ puntata - ''Discrezionalità dell’arbitro''
27/10/2013
18^ puntata - ''Regola 5 punto 5''
20/10/2013
17^ puntata - ''Ripresa attività tecnica''
08/10/2013
16^ puntata - ''Valutazioni di carattere generale sul rispetto delle regole nell'attività arbitrale''
29/07/2013
15^ puntata - ''Regola n°5: Poteri e doveri dell'arbitro - 2^ parte''
11/06/2013
14^ puntata - ''Regola n°5: Poteri e doveri dell'arbitro''
27/05/2013
13^ puntata: ''Codice etico e di comportamento dell'Associazione Italiana Arbitri''
11/05/2013
12^ puntata - ''Regola n° 4: equipaggiamento dei calciatori''
23/04/2013
11^ puntata - ''Regola n° 3: numero dei calciatori''
08/04/2013
10^ puntata - ''regola n. 2: IL PALLONE''
25/03/2013
9^ puntata - Franco Altomare
11/03/2013
8° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini: ''Il terreno di gioco, parte 3''
26/02/2013
7° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini: ''Esordio di Eugenio Abbattista in Serie A''
19/02/2013
6° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini: ''Il terreno di gioco, parte 2''
03/02/2013
5° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini: ''Il terreno di gioco''
21/01/2013
4° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini: ''Le basi per un'ottima direzione arbitrale''
05/01/2013
3° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini: ''Il ruolo attivo dell'arbitro''
26/12/2012
2° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini
13/12/2012
1° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini