Giramolfetta
 MOLFETTA - giovedì 25 luglio 2024 - Giramolfetta anche su... Facebook You Tube
 
3° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini: ''Il ruolo attivo dell'arbitro''

3° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini: ''Il ruolo attivo dell'arbitro''


IL RUOLO ATTIVO DELL'ARBITRO

Carissimi, prima di procedere al nostro periodico incontro, mi è particolarmente gradito augurare a tutti noi, con l'inizio del nuovo anno, la riscoperta e la valorizzazione dei valori etici e morali che da sempre hanno caratterizzato la cultura occidentale ed in particolare quella “Cristiana”. L’auspicio di una vita finalizzata alla piena realizzazione di ciascuna identità umana, garanzia di convivenza pacifica in una società “armonica”. Ad alcuni parrà, oltremodo ottimistico, se non utopico. Ebbene l’utopia è la meta irraggiungibile cui l’umanità mira da sempre, e ogni piccolo passo in quella direzione, fa aumentare la felicità, intesa nella felicità di ciascuno nell’appagamento del Suo ruolo nel contesto armonico dell’insieme (la società).

Ritornando a parlare dell’arbitro di calcio il regolamento, alla regola 5, lo definisce, “ al quale è conferita tutta l’autorità necessaria per fare osservare le regole del gioco nell’ambito della gara che è chiamato a dirigere”
Prima riflessione: “è conferita tutta l’autorità”, quindi, l’autorità non deriva dalla persona, ma è attribuita dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio, al soggetto, “Arbitro”, che svolge la funzione, che deve essere “autorevole”. L’autorevolezza dell’uomo arbitro è nel modo con cui svolge il ruolo: interpretazione corretta delle regole di gioco, applicazione coerente delle stesse, uniformità di applicazione, assoluta neutralità, assoluta ininfluenzabilità sia da fattori interni (proteste dei calciatori) che esterne (dirigenti e/o pubblico) il che rende l’arbitro “carismatico” Come facilmente si rileva, quanto detto richiede qualità alcune acquisibili con l’applicazione (studio delle regole di gioco) altre sono relative a qualità umane: capacità di autocontrollo al fine di evitare coinvolgimenti “passionali”, in una parola essere psicologicamente “neutrale”. Qualità che possono essere educate anche con la presa di coscienza che il potere che esercita è nel ruolo e non nella persona dell’arbitro. La seconda riflessione riguarda il tempo del conferimento circoscritto all’ambito della gara che è chiamato a dirigere. La terza è chiamato a “dirigere”.
Dirigere significa : guidare, indirizzare, orientare, quindi Egli svolge un ruolo “attivo” nello sviluppo del gioco nel quale si deve inserire, con i Suoi comportamenti tecnici e disciplinari , deve, nella neutralità di giudizio, inserirsi armonicamente nella contesa, interpretare l’andamento della stessa percependone i diversi momenti agonistici che la gara vive. Sono questi aspetti che rendono insostituibile la funzione “umana” dell’arbitro che mai potrà essere sostituito da una macchina, errore che spesso coinvolge gli appassionati del gioco del calcio distratti e negativamente influenzati
dall’uso delle macchine (televisione, moviola, ed altre ) snaturando l’essenza del gioco praticato da uomini e non dalle macchine. Quanto si qui illustrato costituisce la necessaria premessa per introdurre l’argomento preannunciato del rapporto Arbitro/Calciatore che sarà ulteriormente approfondito in seguito.
Grazie per l'attenzione.
Arrivederci al prossimo appuntamento.
Prof. Mauro Minervini


05/01/2013
L'arbitro e il mondo del calcio a cura del prof. Mauro Minervini
04/10/2014
Nuova stagione agonistica 2014/2015
07/08/2014
INCONTRO CONVIVIALE PER FESTEGGIARE LA CONCLUSIONE DELLA STAGIONE SPORTIVA 2013/2014
24/06/2014
NICOLA DI RAFFAELE
04/04/2014
UNA SERATA FELICE
01/04/2014
LA SEZIONE AIA MOLFETTA RICORDA IL COLLEGA MAURO ZAZA
06/03/2014
ASPETTO DISCIPLINARE
17/02/2014
APPLICAZIONE DELLE REGOLE DI GIOCO
04/02/2014
27^ puntata - ''RAPPORTO DI GARA DELL’OSSERVATORE ARBITRALE''
26/01/2014
26^ puntata - ''RELAZIONE DELL’OSSERVATORE ARBITRALE''
14/01/2014
25^ puntata - ''L’osservatore arbitrale''
24/12/2013
24^ puntata - ''IL RAPPORTO DI GARA''
07/12/2013
23^ puntata - ''La protezione del calciatore contuso''
04/12/2013
22^ puntata - ''Come comunica l’Arbitro le Sue decisioni?''
22/11/2013
21^ puntata - ''Vantaggio''
16/11/2013
20^ puntata - ''Discrezionalità dell’arbitro - parte 2''
03/11/2013
19^ puntata - ''Discrezionalità dell’arbitro''
27/10/2013
18^ puntata - ''Regola 5 punto 5''
20/10/2013
17^ puntata - ''Ripresa attività tecnica''
08/10/2013
16^ puntata - ''Valutazioni di carattere generale sul rispetto delle regole nell'attività arbitrale''
29/07/2013
15^ puntata - ''Regola n°5: Poteri e doveri dell'arbitro - 2^ parte''
11/06/2013
14^ puntata - ''Regola n°5: Poteri e doveri dell'arbitro''
27/05/2013
13^ puntata: ''Codice etico e di comportamento dell'Associazione Italiana Arbitri''
11/05/2013
12^ puntata - ''Regola n° 4: equipaggiamento dei calciatori''
23/04/2013
11^ puntata - ''Regola n° 3: numero dei calciatori''
08/04/2013
10^ puntata - ''regola n. 2: IL PALLONE''
25/03/2013
9^ puntata - Franco Altomare
11/03/2013
8° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini: ''Il terreno di gioco, parte 3''
26/02/2013
7° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini: ''Esordio di Eugenio Abbattista in Serie A''
19/02/2013
6° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini: ''Il terreno di gioco, parte 2''
03/02/2013
5° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini: ''Il terreno di gioco''
21/01/2013
4° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini: ''Le basi per un'ottima direzione arbitrale''
05/01/2013
3° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini: ''Il ruolo attivo dell'arbitro''
26/12/2012
2° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini
13/12/2012
1° app. con la rubrica ''L'arbitro e il mondo del calcio'' curata dal prof. Minervini