Giramolfetta
 MOLFETTA - domenica 5 luglio 2020 - Giramolfetta anche su... Facebook You Tube
Home > Mappa > Stradario
Scheda vetrina

Cattedrale di Santa Maria Assunta
Chiesa
CORSO DANTE ALIGHIERI 

La Cattedrale di Maria SS. Assunta - la cui maestosa facciata ultimata nel 1744, dopo anni di lavori avviati nel periodo compreso tra aprile del 1610 e luglio del 1611 e proseguiti nel XVIII secolo - fu edificata unitamente al collegio dei Gesuiti.
Sulla suddetta facciata, in alto, è collocata una grande statua marmorea di Sant'Ignazio di Loyola, fondatore della Compagnia di Gesù. Responsabili della costruzione dell'edificio furono i padri Gesuiti fino al 1773; successivamente fu sottoposta a lunghi restauri durante i quali fu ampliata l'abside, furono rifatti la pavimentazione, la sagrestia e il battistero e fu eretto il campanile.
Divenuta Cattedrale nel 1785, essendo ormai il Duomo di San Corrado divenuto insufficiente alle esigenze di culto dell'aumentata popolazione, in essa si conservano, in un'urna d'argento, le spoglie del patrono san Corrado di Baviera.
Fra le altre opere custodite nella Cattedrale ricordiamo la Dormitio Mariae attribuita allo Scacco (XVI secolo), il monumento sepolcrale del naturalista e storico molfettese Giuseppe Maria Giovene, posto a sinistra dell'altare dedicato a San Corrado e su questo la magnifica tela del Giaquinto raffigurante l'Assunzione della Madonna in cielo.
In uno degli Altari laterali della Cattedrale, si conservano, alla venerazione dei fedeli, la Mitria e il Pastorale appartenuti al Servo di Dio don Tonino Bello, in odore di Santità.

Fonte Wikipedia.it



<< INDIETRO

 
INFO
Cattedrale di Santa Maria Assunta
Telefono
080/3971820
E-mail
Sito web
POSIZIONE
CENNI STORICI
CORSO DANTE ALIGHIERI
ALIGHIERI DANTE

Scrittore. Firenze, 5./6. 1265 – Ravenna, 14. 9. 1321. Il pensiero di Dante è imbevuto del miticismo del suo tempo; Dante crede nell’azione della Provvidenza che tutto regge e guida dinanzi ai disordini terreni, al trionfo del male sul bene, agli odi e alla passioni, Egli confida nell’ideale della redenzione umana. A questo ideale è legata l’arte solo “arte per la vita”. In campo politico Dante crede ancora al Sacro Romano Impero al centro del quale dovrebbe essere posta l’Italia: l’umanità, sotto l’imperatore, realizzerà uno stato di pace e di giustizia che la metterà nelle migliori condizioni per avviarsi poi, sotto la guida della Chiesa, verso la felicità soprannaturale. Scrisse numerose opere poetiche e di erudizione in latino e in volgare. A renderlo immortale è stato il poema “La Divina Commedia”, capolavoro della letteratura italiana e uno dei vertici della letteratura universale. CORSO DANTE ALIGHIERI SCRITTORE 1265 – 1321: inizia da Piazza Giuseppe Garibaldi e termina a Via San Domenico.